Mediobanca +3,9% accelera al rialzo e sale sui massimi dal 6 marzo. Il titolo viene ancora sostenuto dal blitz di Leonardo Del Vecchio che ha chiesto alla BCE, tramite la Banca d'Italia, l'autorizzazione alla holding Delfin per salire fino al 20% in Piazzetta Cuccia. Attualmente il fondatore di Luxottica ha il 9,89% di Mediobanca, frutto degli acquisti dello scorso autunno. Del Vecchio aveva da tempo messo nel mirino la gestione dell'a.d. Alberto Nagel, che a suo avviso aveva reso Mediobanca troppo sbilanciata sul consumer banking e su Generali +3,5%. L'operazione ha peraltro una seconda "gamba", ovvero quella che riguarda la compagnia triestina, secondo alcuni il vero obiettivo di Del Vecchio, che punterebbe a un'integrazione con Axa +7,7% o Zurich +4,1%: in entrambi i casi si tratterebbe però di una sostanziale acquisizione da parte di Axa o Zurich dato che agli attuali prezzi di mercato capitalizzano oltre il doppio di Generali.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)