Netto calo venerdi' per l'EURO STOXX® Banks (EU0009658426) che scende fino a 88,24 euro. Il settoriale mostra una forza relativa decrescente rispetto all'indice Eurostoxx generale ormai dall'agosto del 2017 ma nel corso delle ultime settimane questa curva ha accelerato al ribasso, con il comparto banche che sempre piu' debole, in termini relativi, rispetto al mercato. Tale comportamento e' evidenziato anche dal grafico dell'indice di comparto: il rimbalzo visto dai minimi di fine dicembre non e' riuscito nemmeno ad avvicinarsi alla media mobile esponenziale a 100 sedute, passante a 96,80 e praticamente coincidente con la trend line che scende dai massimi di gennaio 2018, mentre l'indice Eurostoxx la propria media a 100 giorni la aveva superata il 5 febbraio, anche se poi ne e' tornato al di sotto in chiusura di ottava (la media passa a 350,30 circa). La debolezza relativa del comparto banche dice che senza una ripresa decisa della borsa, e gli ultimi sviluppi sembrano andare in direzione contraria, esiste un rischio concreto non solo di proseguimento della flessione degli ultimi giorni ma anche di ritorno al di sotto dei minimi di dicembre a 83,97 punti. In quel caso i prezzi rischierebbero di scendere ad intercettare la base del canale ribassista che contiene i movimenti dell'ultimo anno, passante a 76,60 circa, praticamente sui minimi del luglio 2016. Speranze di una ripresa verrebbero dal superamento prima di 91,50, poi da un nuovo test del lato alto del canale e della media mobile esponenziale a 100 giorni, a 96,80. Solo oltre quei livelli sarebbe realisticamente possibile iniziare a sperare in una interruzione della fase ribassista dell'ultimo anno.

(AM - www.ftaonline.com)