Nexi guadagna terreno nell'ultima seduta dell'ottava. Il titolo si è spinto fino a 15,40 euro dopo aver terminato la seduta precedente a 14,955 euro. Il Sole 24 Ore scrive che durante il lockdown la percentuale di acquisti effettuata con carte di credito, debito o fedeltà è passata dal 57% del dato medio 2019 al 68%: un incremento del 9% in un solo anno, identico a quello messo a segno (dal 48% al 57%) ma tra il 2011 e il 2019. Recentemente Goldman Sachs ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo da 18,5 a 19 euro e ha confermato la raccomandazione "buy". Il rimbalzo di Nexi avviatosi dal minimo del 30 luglio, appoggiato in area 14,45 sul 23,6% di ritracciamento (Fibonacci) del rialzo dai minimo di marzo, si è fermato il 4 agosto in area 15,60 sul gap ribassista del 24 luglio. Solo sopra 15,70/80 possibile il test dei massimi di luglio a 16,45. Resistenza successiva a 16,91, top del 20 febbraio. Sotto area 14,45 invece rischio di accelerazione ribassista fino a 13,40 almeno.

(AM - www.ftaonline.com)