Nexi +3,7% si conferma in ottima forma in vista del il 1° luglio, giorno in cui scattano la riduzione da 3.000 a 2.000 euro del limite massimo per i pagamenti in contanti e il credito di imposta del 30% sulle commissioni bancarie su pagamenti effettuati tramite carte di credito, di debito o prepagate. Entrambe le misure sono contenute nel Decreto Legge 26 ottobre 2019, n. 124, per il contrasto all'evasione fiscale. Nexi approfitta anche del fermento nel settore dei pagamenti elettronici con il balzo di Wirecard (+152%) a Francoforte: secondo il quotidiano tedesco Fankfurter Allgemeine Zeitung, Worldline +1,7%, potrebbe acquistare parte delle attività del gruppo dei pagamenti al centro di uno scandalo finanziario.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)