Mercato azionario giapponese in verde. Il Nikkei 225 ha terminato a 23827,18 punti, +0,13% rispetto alla chiusura precedente (23795,44). La settimana va in archivio con una performance pari a -0,89%. L'indice nipponico si conferma al di sotto del massimo del 17 dicembre a 24091,12 in attesa dello spunto capace di generare il breakout (con completamento di un potenziale testa e spalle di continuazione) e quindi l'attacco al picco pluriennale dell'ottobre 2018 a 24450 circa, riferimento strategico in ottica di lungo termine: oltre questa ultima resistenza verrebbe infatti riattivato il movimento ascendente partito a fine 2008 verso 25250 in prima battuta e successivamente sui 27250. Discese sotto 23600 creerebbero invece le premesse per un nuovo test di 23000, con il rischio concreto di assistere al completamento del potenziale doppio massimo in formazione dal 17 dicembre e quindi a un approfondimento sui 22650/22700, sostegni decisivi nel medio periodo (appoggio successivo sui 22300, ex resistenza ad aprile e settembre).

(Simone Ferradini)