Secondo quanto emerge dall'edizione di settembre del Monthly Oil Market Report dell'Organization of the Petroleum Exporting Countries (Opec, l'organizzazione dei 14 maggiori produttori di petrolio con riserve provate superiori al 70% del totale mondiale), la domanda globale di greggio crescerà meno di quanto previsto in precedenza. La stima è di un incremento di 1,08 milioni di barili al giorno, contro gli 1,14 milioni del precedente outlook. L'Opec ha anche peggiorato le sue previsioni per l'espansione economica mondiale nel 2020 al 3,1% dal 3,2% e ha sottolineato che l'aumento della domanda di petrolio del prossimo anno sarà superato da una "forte crescita" dell'offerta di produttori rivali come gli Usa. Il risultato sarà una domanda per il greggio prodotto dall'Opec di 29,40 milioni di barili al giorno nel 2020, 1,2 milioni in meno rispetto al 2019. Se l'Opec poi mantenesse l'output sui tassi registrati in agosto il surplus globale dell'offerta sarebbe pari a 340.000 barili al giorno.

(RR - www.ftaonline.com)