OVS (+2,29%) si muove per vie laterali sotto la media mobile a 50 giorni, passante da 1,35 circa, e sotto i massimi di gennaio a 1,445. Una stabilizzazione sopra questi riferimenti getterebbe le basi per una reazione più convincente in direzione della resistenza a 1,72/1,73, massimi di novembre, oltre la quale diverrebbe possibile il ritorno sopra i 2 euro. L'eventuale cedimento di quota 1 euro vanificherebbe invece i recenti sforzi, prospettando un nuovo test del record negativo a 0,65 euro.

(CC - www.ftaonline.com)