Parmalat (-2,9%) in netta flessione all'indomani del cda che ha approvato i conti del primo semestre 2018. I ricavi scendono del 7,3% a/a a cambi e perimetro correnti ed incluso il Venezuela, dello 0,9% a/a a cambi e perimetro costanti ed escluso il Venezuela. L'utile del periodo è pari a 39,9 milioni di euro, in aumento di 9,3 milioni di euro rispetto ai 30,6 milioni di euro del primo semestre 2017, ma a perimetro costante ed escludendo le controllate venezuelane, l'utile del periodo risulta in diminuzione di 11,1 milioni di euro. Il cda, a causa degli "inattesi e recenti rialzi del costo della materia prima e le forti tensioni in ambito commerciale" ha peggiorato la guidance 2018 a "-1% in termini di fatturato netto e in un range compreso tra -3% e 0% in termini di EBITDA", dalla precedente indicazione di fatturato netto in crescita dell'1,5% circa ed EBITDA del 3-5% circa.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)