Ieri il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha accolto il ricorso di Citibank contro la Consob nei confronti di Parmalat deliberando di fatto l'interruzione in extremis del processo di delisting della società di Collecchio (grassetti del redattore).

"Di seguito il testo del decreto del TAR.

  • Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) *

Il Presidente ha pronunciato il presente

  • DECRETO *

sul ricorso numero di registro generale 2658 del 2019, proposto da Citibank n.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Aristide Police, Carlo Felice Giampaolino, Fabio Guastadisegni, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia e domicilio eletto presso lo studio Aristide Police in Roma, via di Villa Sacchetti, 11;

*contro *

  • Commissione Nazionale per la Società e La Borsa *– Consob non costituita in giudizio;

nei confronti
Parmalat S.p.A.
, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa anche in via disgiuntiva dagli Avv.ti Prof. Andrea Zoppini, Lorenzo Pintus, Marco Annoni e Giorgio Vercillo, ed elettivamente domiciliata presso lo studio del Prof. Avv. Andrea Zoppini, in Roma, Piazza di Spagna, n. 15; Big S.r.l., Borsa Italiana S.p.A., Sofil S.a.s. non costituite in giudizio;

per l'annullamento previa sospensione dell'efficacia, anche monocratica, della delibera della Commissione Nazionale per Società e la Borsa n. 20802 del 31 gennaio 2019, con la quale è stato approvato il documento informativo relativo all'assolvimento, da parte di Sofil S.a.s., dell'Obbligo di Acquisto *ai sensi degli artt. 108, co. 2, e 109 del d. lgs. 24 febbraio n. 1998, n. 58 e s.m.i. avente ad oggetto le *azioni ordinarie emesse da Parmalat S.p.A. *e, ove occorrer possa, della delibera della Consob n. 20778 del 16 gennaio 2019, con la quale la Consob, in riscontro all'istanza presentata da Sofil il 10 gennaio 2019, ha determinato in Euro 2,85 per azione il corrispettivo unitario per l'adempimento dell'Obbligo di Acquisto da parte di Sofil, ai sensi dell'art. 108, del T.U.F. e dell'art. 50, co. 7, del cd. Regolamento Emittenti della Consob; nonché di tutti gli altri atti presupposti, comunque connessi e/o consequenziali, ivi compresi, quanto meno per i loro effetti, gli atti di Borsa Italiana S.p.A., assunti ai sensi dell'art. 2.5.1, comma 6, del Regolamento di Borsa nella parte in cui si dispone la *revoca della quotazione e negoziazione sul MTA delle azioni Parmalat, a partire dalla seduta del 5 marzo 2019; nonché per l'accertamento della violazione dell'art. 102, co. 4, del T.U.F., nella parte in cui prevede che il documento di offerta possa essere approvato dalla Commissione solo se "esso è idoneo a consentire ai destinatari di pervenire ad un fondato giudizio sull'offerta", nonché della nullità, ovvero, in subordine, dell'illegittimità dei provvedimenti impugnati per patente elusione della sentenza della Superior Court of New Jersey del 27 ottobre 2008, delibata in Italia con ordinanza del 18 luglio 2014 adottata dalla Corte d'Appello di Bologna.