Tra poche ore partirà la corsa al bonus da 600 euro previsto dal decreto Cura Italia, visto che a partire dall'1 aprile, cioè da domani, come confermato da una circolare diffusa oggi dall'INPS, sarà possibile presentare le domande per richiedere l'indennità prevista per le partita Iva e i lavoratori autonomi.

Come è noto il bonus spetta anche ai professionisti iscritti agli ordini che dovranno però rivolgersi alle rispettive casse di previdenza.

Non poca confusione si è creata fino a poca fa relativamente alle modalità di assegnazione del bonus, visto che dall'INPS sono arrivate indicazioni contrastanti.

Fino a poche ora fa nelle istruzioni online dell'istituto, si leggeva per ogni categoria di lavoratore: "l'INPS riconosce l'indennità in base all'ordine cronologico di presentazione delle domande".

Un'indicazione molto chiara che lasciava intendere una valutazione delle domande in ordine cronologico: chi prima arriva, prima si accaparra il bonus.

La pagina contenente queste indicazioni però è poi sparita dal sito dell'INPS dove si trova il comunicato stampa nel quale "Si ribadisce che non si tratta di un click day. Le domande potranno essere inviate anche nei giorni successivi al 1° aprile, collegandosi al sito e cliccando sul banner dedicato che compare sulla Home page.

Una conferma in tal senso è arrivata in serata anche dal presidente dell'INPS, Pasquale Tridico, il quale ha chiarito che non ci sarà alcun ordine cronologico.