Pesante ribasso ieri per il future Eurostoxx (-2,03%) che scende al di sotto di importanti supporti. Primo fattore ribassista ancora la guerra commerciale, anche se in questo caso l'obiettivo di Donald Trump non è la Cina, bensì Argentina e Brasile: i due Paesi sudamericani sono stati accusati dal presidente Usa per la "massiccia svalutazione delle loro valute" e per questo rischiano nuove tariffe commerciali sull'export di acciaio e alluminio. Tensioni anche in Europa, con dazi del 100% considerati su 2,4 miliardi di merci francesi (formaggi, champagne, cosmetici), in rappresaglia per il nuovo regime fiscale di Parigi relativo ai servizi digitali, che andrebbe a colpire colossi Usa come Google, Facebook e Amazon. Il risultato e' stato un declino molto pesante che si e' fermato questa mattina per lasciare il posto ad un timido rimbalzo: il future torna in area 3635/40 dopo aver terminato ieri a 3630. I minimi di ieri a 3619 si collocano sulla media mobile esponenziale a 50 giorni, che e' al rialzo dal 10 ottobre, fino a che quel supporto tiene e' possibile un tentativo di recupero almeno fino a 3647, minimo del 21 novembre. Quel livello e' la base del "doppio massimo" disegnato dal top del 19 novembre, una figura ribassista che introduce con la sua presenza il rischio di discese fino a 3570 almeno. Supporto successivo, rilevante anche in ottica di medio periodo, a 3550, area di transito della media mobile esponenziale a 100 giorni e base del canale crescente che contiene le oscillazioni dei prezzi dai minimi di agosot. Solo il superamento di 3670 metterebbe in discussione il segnale ribassista derivante dal completamento del doppio massimo.

(AM - www.ftaonline.com)