La prima seduta della nuova settimana si è conclusa in rialzo per il petrolio che dopo il poderoso rally di venerdì scorso ha allungato ulteriormente il passo.

Petrolio in rialzo dopo ribasso pomeridiano

Nel corso della mattinata l'oro nero si è mantenuto stabile a poca distanza dalla parità, per poi arrivare a perdere circa un dollaro nel primo pomeriggio.

Un ribasso che però ha avuto vita breve visto che le quotazioni sono risalite e hanno virato al rialzo, chiudendo gli scambi a 35,43 dollari, con un progresso dello 0,6%.

Petrolio: Arabia e Rissia verso accordo su tagli produzione

A favorire il recupero hanno contribuito le notizie riportate dal Wall Street Journal secondo cui l'Arabia e la Russia sarebbero vicine ad un accordo per estendere i tagli alla produzione di petrolio fino all'1 settembre prossimo.

Intanto l’Algeria, che attualmente è di turno alla presidenza dell’OPEC, ha proposto che il meeting previsto per il 9-10 giugno venga anticipato al 4 giugno.

Petrolio: meeting Opec+ anticipato al 4 giugno?

Secondo Equita SIM la mancanza di opposizione russa all’anticipazione dell’evento potrebbe indicare che l’accordo con l’Arabia Saudita sia più vicino circa l’estensione dei tagli alla produzione per il resto dell’anno.

Gli analisti ricordano che l’OPEC + ha deciso ad aprile di ridurre la produzione di 9,7 milioni di barili al giorno, ovvero circa il 10% della produzione globale, per sostenere i prezzi del petrolio a seguito di un calo della domanda a causa delle misure di blocco per fermare il contagio da Covid-19.

Gli accordi OPEC+ di aprile prevedevano di ridurre i tagli da luglio 2020 a 7,7 milioni di barili.

Petrolio: le previsioni di Equita in caso di accordo su estensione tagli

Gli esperti di Equita SIM ritengono che un'estensione dell’accordo possa supportare i prezzi del greggio Wti e mantenerli in un range 35-45 dollari al barile nella seconda metà del 2020.

La loro stima di Brent per il 2020 è pari a 40 dollari al barile, mentre i titoli preferiti nel settore oil sono ENI, Galp e Saras.