Avvio in rosso per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib segna un -0,32% a 22.580 punti, mentre l'All Share registra un -0,32% a 24.812 punti.

Apertura in leggero rialzo per lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale segna 134 punti dopo i primi scambi (132 la chiusura di ieri). Il rendimento del decennale italiano è al 2,07%.

Euro ancora in calo alle prime battute sui mercati con il dollaro sempre più forte che ha riportato la valuta unica europea sotto la soglia di 1,23 a 1,2267 (1,2294 ieri sera a New York). L'euro è debole anche nei confronti dello yen che è a quota 131,89.

Continua il calo del prezzo del petrolio con i contratti sul greggio Wti con scadenza a aprile che cedono 93 centesimi a 60,74 dollari al barile. Ad incidere il rafforzamento della valuta Usa e le prospettive di un rialzo dei tassi di interesse. Il Brent perde 46 centesimi a 64,96 dollari al barile.

Quotazioni dell'oro poco mosse sui mercati asiatici dove il tono del metallo prezioso si mantiene debole sull'onda del rafforzamento del dollaro. Il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.324 dollari l'oncia.