Piazza Affari accelera grazie a buoni risultati test farmaco Covid-19 di Gilead. In serata il FOMC. FTSE MIB +1,6%.

Il FTSE MIB segna +1,6%, il FTSE Italia All-Share +1,4%, il FTSE Italia Mid Cap +0,3%, il FTSE Italia STAR -0,1%.

BTP e spread in peggioramento (ma meno rispetto a inizio seduta) dopo la decisione di Fitch di tagliare il rating dell'Italia da BBB a BBB- (un gradino sopra il livello junk), con outlook stabile. Fitch prevede un impatto significativo della pandemia globale Covid-19 sull'economia italiana con conseguenze sulla posizione fiscale sovrana dell'Italia. Il rendimento del decennale segna 1,80% (chiusura precedente a 1,75%), lo spread sul Bund 227 bp (da 221) (dati MTS).

Mercati azionari europei in ascesa: Euro Stoxx 50 +1,5%, FTSE 100 +2,2%, DAX +2,1%, CAC 40 +1,6%, IBEX 35 +2,2%.

Circa mezz'ora prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici americani sono positivi: S&P 500 +1,8%, NASDAQ 100 +1,9%, Dow Jones Industrial +1,9%.

Mercati azionari in accelerazione dopo che Gilead Sciences (+9,3% nel pre-market al NASDAQ) ha annunciato risultati positivi per il remdesivir contro il Covid-19.

Petroliferi in netto rialzo grazie al forte recupero del greggio dai minimi di ieri mattina. Il future luglio sul Brent segna 24,35 $/barile (minimo a 22 circa), il future giugno sul WTI segna 15,35 $/barile (minimo a 10,30 circa). Eni +3,3%, Tenaris +6,2%, Saipem +4,7%.

Ottime performance per gli industriali con Leonardo +6,2%, Buzzi Unicem +5,5%, FCA +4,0%, Fincantieri +4,4%.

Molto bene Prysmian +4,4%* che subirà l'impatto negativo del Covid-19 soprattutto nel secondo trimestre (e di conseguenza anche sul bilancio 2020) ma la solidità finanziaria e patrimoniale del gruppo non sarà messa in discussione. E' la sintesi di quanto dichiarato al Sole 24 Ore da Valerio Battista, a.d. del leader mondiale nel settore dei cavi per l'energia. Il manager ha aggiunto che la priorità è proteggere il cash flow: per questo motivo gli investimenti di breve termine e quelli ritenuti non essenziali saranno bloccati, a differenza di quelli ritenuti strategici. Battista prevede comunque un ritorno dell'attività del gruppo a pieno regime nei prossimi mesi grazie alla completa ripresa delle operazioni degli stabilimenti in Cina. Buone notizie anche dagli ordini: tutti confermati con buone possibilità di arrivo di nuove commesse nel corso dell'anno, soprattutto dalla Germania.

Recordati +3,6% tocca i massimi dal 4 marzo grazie ai ricavi del primo trimestre 2020 comunicati a fine mattinata: 429,2 milioni di euro, +12,1% a/a. Il risultato comprende "acquisti anticipati da parte di grossisti e farmacie per fare fronte all'emergenza da Covid-19 stimati in circa €20 milioni, che si prevede verranno riassorbiti nel secondo trimestre".

Amplifon -0,1% sottotono ma in recupero dai minimi giornalieri. Il cda ha esaminato i dati del primo trimestre: Ricavi consolidati pari a 363,5 milioni di euro, in calo, per l'emergenza Covid-19, del 7,2% (-9,5% su base organica), EBITDA pari a 64,9 milioni, in calo del 17,8% a/a, risultato netto pari a 5,1 milioni, in calo del 72,7% a/a. Questo risultato deriva da una crescita pari a circa il 10% in valuta locale nei primi due mesi dell'anno, successivamente impattata dall'emergenza Covid-19 a marzo. Considerata l'attuale incertezza Amplifon "ritiene opportuno ritirare la guidance diffusa nel marzo 2018 e successivamente aggiornata nel marzo 2019 per riflettere l'acquisizione di GAES".

Il rialzo di rendimenti e spread penalizza le utility: A2A -0,1%, Enel +0,2%, Snam -0,5%, Hera +0,5%.

Juventus FC -4,1%, SS Lazio -2,2%, AS Roma -0,8%. I titoli delle società calcistiche perdono terreno in scia alle parole odierne del il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora a Omnibus su La7: "vedo il sentiero per la ripresa (del campionato di Serie A, ndr) sempre più stretto".

Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: negli USA alle 16:00 indice Pending Home Sales (mercato immobiliare residenziale), alle 16:30 scorte petrolio settimanali (EIA), alle 20:00 riunione FOMC (Fed), alle 20:30 conferenza stampa Powell (presidente Fed).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)