Piazza Affari annulla il rialzo della mattinata, in calo rendimenti e spread. FTSE MIB +0,05%.

*Il FTSE MIB segna +0,05%, il FTSE Italia All-Share +0,06%, il FTSE Italia Mid Cap +0,02%, il FTSE Italia STAR +0,02%.

BTP e spread in miglioramento.* Il rendimento del decennale segna 1,28% (chiusura precedente a 1,32%), lo spread sul Bund segna 161 bp (da 163) (dati MTS).

*Mercati azionari europei deboli: *Euro Stoxx 50 -0,2%, FTSE 100 +0,5%, DAX -0,2%, CAC 40 -0,2%, IBEX 35 -0,0%. Nel Regno Unito oggi si vota per il nuovo Parlamento.

Circa mezz'ora prima dell'apertura di Wall Street i principali indici USA sono in leggero ribasso: S&P 500 -0,1%, Nasdaq 100 -0,2%, Dow Jones Industrial -0,2%.

*Nexi +1,6% *guadagna ulteriore terreno dopo il rally di ieri e tocca il nuovo massimo storico a 11,2440. Il titolo è sostenuto dalle indiscrezioni del Messaggero secondo cui Cdp sta spingendo per una fusione tra la controllata SIA (leader nel processing per carte di pagamento) e Nexi in funzione difensiva contro una possibile offerta della francese Wordline su SIA. Con il balzo di ieri Nexi ha riattivato la tendenza ascendente di fondo in direzione di 11,25 (primo obiettivo praticamente già raggiunto) e quindi verso 11,85/11,90.

Positiva FCA +1,0% che reagisce alla flessione di ieri: i circa 47mila iscritti al sindacato dei lavoratori del settore auto americano UAW hanno votato a favore del nuovo contratto di lavoro quadriennale.

*Petroliferi incerti *nonostante il recupero del greggio dopo l'affondo di ieri pomeriggio (causato dai dati sulle scorte EIA) e il rally di Saudi Aramco, il colosso petrolifero che ha debuttato ieri presso il Tawadul, il mercato azionario dell'Arabia Saudita, con un +10% e oggi guadagna un ulteriore 4,6% (ma in mattinata era arrivato a +10%). Bene Tenaris +1,2% e Saipem +0,3%, in rosso Eni -0,4%.