Piazza Affari brillante, scenario internazionale in miglioramento. FTSE MIB +1,37%.

Il FTSE MIB segna +1,37%, il FTSE Italia All-Share +1,36%, il FTSE Italia Mid Cap +1,13%, il FTSE Italia STAR +1,41%.

BTP deboli, sale lo spread. Il rendimento del decennale segna 1,44% (chiusura precedente a 1,41%), lo spread sul Bund segna 164 bp (da 159) (dati MTS).

Mercati azionari europei in ascesa: Euro Stoxx 50 +1,2%, FTSE 100 +1,0%, DAX +1,0%, CAC 40 +1,3%, IBEX 35 +1,5%.

Circa mezz'ora prima dell'apertura di Wall Street i principali indici USA sono positivi: S&P 500 +0,6%, Nasdaq 100 +0,9%, Dow Jones Industrial +0,6%.

Borse toniche dopo che, a ridosso della notte di San Silvestro, Donald Trump ha comunicato via Twitter che il 15 gennaio si terra' alla Casa Bianca la cerimonia della firma sulla fase uno dell'accordo commerciale tra i due paesi. Il vice presidente cinese Liu He si rechera' a Washington sabato con una delegazione. Trump ha aggiunto che dopo questa firma lui stesso andra' a Pechino per avviare il dialogo sulla fase successiva. La prima parte dell'accordo implica gia' una notevole distensione tra i due paesi, con essa vengono infatti cancellati i dazi aggiuntivi che erano programmati su 160 miliardi di merci cinesi dal 15 dicembre mentre la Cina si e' impegnata ad incrementare gli acquisti di merci Usa e a intensificare la lotta al furto della proprieta' intellettuale.

Performance positive per gli industriali: CNH Industrial +2,3%, STM +3,6%, Pirelli +3,7%, Danieli&C +4,4%, Interpump +3,5%. I titoli del comparto sono i più sensibili alle notizie sulla guerra commerciale USA-Cina.

In rialzo i bancari. L'indice FTSE Italia Banche segna +1,9%, l'EURO STOXX Banks +2,5%. UniCredit +2,8%, FinecoBank +2,2%, Mediobanca +2,0%. Lunedì scorso il Fondo Interbancario di tutela dei depositi ha deciso l'erogazione immediata (in conto futuro aumento di capitale) di 310 milioni di euro a favore di BP Bari. Si tratta di una "misura di carattere anticipatorio, nel quadro di un ampio progetto di rafforzamento patrimoniale di 1,4 miliardi di euro, da realizzare nei prossimi mesi". Il Fondo parteciperà per massimi 700 milioni di euro, il resto dovrebbe essere fornito da Mediocredito Centrale.