Piazza Affari debole, sale lo spread. FTSE MIB -0,4%.

Il FTSE MIB segna -0,4%, il FTSE Italia All-Share -0,4%, il FTSE Italia Mid Cap +0,3%, il FTSE Italia STAR -0,0%.

BTP e spread in peggioramento. Il rendimento del decennale segna 1,08% (chiusura precedente a 1,03%), lo spread sul Bund 151 bp (da 147) (dati MTS).

Mercati azionari europei in ribasso: *EURO STOXX 50 -0,5%, FTSE 100 -1,0%, DAX -0,5%, CAC 40 -0,4%, IBEX 35 -0,2%.

Circa mezz'ora prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici americani sono in verde: S&P 500 +0,1%, NASDAQ 100 +0,6%, Dow Jones Industrial -0,0%.

Prevalgono i segni meno tra le utility: Terna -1,3%, Snam -1,5%, Enel -0,9%.

Si confermano deboli i titoli del settore medico: Amplifon -1,4%, DiaSorin -1,3%, Recordati -1,0%.

Negativa Leonardo -1,2% che rompe un supporto dinamico e corregge dopo i recenti progressi.

Telecom Italia -1,2% perde terreno dopo i buoni dati di Fastweb nel primo semestre. Il gruppo controllato da Swisscom si conferma un concorrente temibile. L'a.d. Alberto Calcagno ha dichiarato che il progetto di investimento in FiberCop (l'ultimo miglio della rete) di KKR è interessante anche per Fastweb. Il progetto è però osteggiato dal governo che punta su una rete unica a banda larga con l'intervento di Open Fiber.

Banco BPM +4,0% accelera al rialzo estendendo il rally partito due giorni fa in scia all'intervista rilasciata al Sole 24 Ore dall'a.d. Giuseppe Castagna. Secondo il manager l'acquisizione di UBI Banca (delisting azioni previsto per il 18 settembre) da parte di Intesa Sanpaolo -0,4% ha cambiato il contesto competitivo del mercato bancario in Italia, costringendo gli altri istituti a valutare operazioni straordinarie: nell'interesse dell'economia italiana sarebbero necessari due o tre grandi poli bancari. Castagna ha aggiunto che, una volta superata l'emergenza Covid, BPM aggiornerà il piano industriale: l'obiettivo è "aumentare il valore di Banco BPM, se serve anche attraverso aggregazioni che vengano apprezzate dal mercato", ma al momento non c'è alcun piano in tal senso. Secondo indiscrezioni recenti BPM è stata accostata a UniCredit -0,9% e a Banca MPS.

Quest'ultima -0,1% scivola in territorio negativo dopo la pubblicazione della relazione semestrale. Rocca Salimbeni prevede bilanci in perdita fino al 2022 a causa dell'emergenza Covid, e ha rivisto al ribasso, rispetto a quanto previsto nel piano di ristrutturazione 2017-2021, le stime interne al 2024. La banca prevede comunque ratio patrimoniali al di sopra dei requisiti regolamentari. Si precisa però che le stime non incorporano gli effetti della recente scissione dei crediti deteriorati in quanto non ancora approvata dalla BCE. Inoltre MPS classifica a rischio si soccombenza probabile 4,3 miliardi di euro (su 4,8 totali) di richieste stragiudiziali.

BP Sondrio +3,0% guadagna terreno e tocca i massimi da inizio marzo. Il titolo approfitta di quanto riferito da MF: BPER Banca +0,3% potrebbe essere interessata a un'aggregazione. Per Equita l'operazione avrebbe senso industriale e l'appoggio di Unipol +1,7%, primo azionista di BPER con il 15% (sito Consob) e partner di entrambe tramite Arca.

Bene Atlantia +1,6% che approfitta della decisione di Standard & Poor's di confermare il rating BB- e migliorare l'outlook a Developing (da Credit Watch Negative). Decisione identica anche per le controllate Autostrade per l'Italia (stesso rating di Atlantia) e Aeroporti di Roma (che ha rating BB+).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)