Piazza Affari e BTP rimbalzano grazie a USA-Cina e ipotesi governo tecnico. FTSE MIB +1,36%.

*Mercati azionari europei positivi. Wall Street in progresso: *a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +1,3%, NASDAQ Composite +1,6%, Dow Jones Industrial +1,4%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +1,36%, il FTSE Italia All-Share a +1,22%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,20%, il FTSE Italia STAR a +0,11%.

*BTP in netto rialzo, scende lo spread. *Il rendimento del decennale segna 1,62% (chiusura precedente a 1,73%), lo spread sul Bund 223 bp (da 232) (dati MTS).

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo che negli USA l'indice dei prezzi al consumo core è cresciuto a luglio dello 0,3% rispetto al mese precedente da +0,3% di giugno. Gli economisti avevano previsto un incremento dello 0,2%. Su base annua l'indice è aumentato del 2,2% contro il +2,1% del mese precedente e il +2,1% del consensus. L'istituto ZEW ha comunicato che l'indice di fiducia degli investitori istituzionali nei confronti dello stato di salute dell'economia della Germania ad agosto è sceso nettamente a -44,1 punti (valore più basso da dicembre 2011) dai -24,5 di luglio, un calo molto superiore alle attese degli analisti fissate a -27,8. In luglio il tasso d'inflazione in Germania è salito all'1,7% annuo dall'1,6% di giugno (1,4% in maggio), in linea con la lettura preliminare. Su base sequenziale l'indice dei prezzi al consumo è invece cresciuto dello 0,5% contro lo 0,3% precedente (0,2% in maggio), anche in questo caso in linea con il dato flash. Nel Regno Unito l'indice retribuzioni a giugno ha fatto segnare +3,7% (attese +3,7%), mentre la variazione di richieste di sussidi di disoccupazione a luglio si è attestata a +28mila (consensus +32mila).