Piazza Affari in ascesa, tocca massimi da settembre con rally bancari. FTSE MIB +0,90%.

*Il FTSE MIB segna +0,90%, il FTSE Italia All-Share +0,79%, il FTSE Italia Mid Cap +0,02%, il FTSE Italia STAR -0,07%.

BTP in ulteriore rialzo, scende lo spread. *Il decennale rende il 2,45% (-4 bp rispetto alla chiusura precedente), lo spread sul Bund segna 236 bp (-5 bp) (dati MTS).

*Mercati azionari europei incerti: *Euro Stoxx 50 invariato, FTSE 100 +0,8%, DAX -0,2%, CAC 40 invariato, IBEX 35 +0,6%.

*Wall Street in verde: *S&P 500 +0,4%, NASDAQ Composite +0,5%, Dow Jones Industrial +0,1%.

*Bancari in accelerazione *grazie alla conferma ufficiale da parte di Deutsche Bank +4,8% e Commerzbank +6,5% delle trattative circa la possibile integrazione delle rispettive attività. L'indice FTSE Italia Banche segna +2,3%, l'EURO STOXX Banks +1,7%. Brilla a Milano UniCredit +3,0%, anch'essa oggetto di indiscrezioni (più o meno recenti) relative a una possibile fusione con un colosso europeo del settore. Molto bene anche Banco BPM +4,5%, UBI Banca +3,3%, BPER Banca +2,5%, Intesa Sanpaolo +2,0%.

Bel progresso per Leonardo +3,5% a 10,30 euro. Venerdì scorso Mediobanca ha confermato il giudizio outperform sul titolo e incrementato il target da 12 a 13 euro, dopo che anche altri broker avevano rivisto al rialzo le valutazioni. Leonardo estende il rally della scorsa settimana (quasi +15% nelle ultime due sedute) in scia ai dati 2018: ordini in forte rialzo (+30% circa) a 15,1 miliardi di euro principalmente grazie all'acquisizione del contratto NH90 Qatar (3 miliardi) e superiori alla guidance fornita dal gruppo (14,0-14,5 miliardi). Il risultato netto balza da 279 a 510 milioni grazie a minori oneri finanziari legati alle operazioni di buy-back completate nel corso del 2017.