Piazza Affari in flessione, dominano le trimestrali. FTSE MIB -0,88%.

Mercati azionari europei deboli. Wall Street in ribasso: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,8%, Nasdaq Composite -1,5%, Dow Jones Industrial -0,6%. Ieri il Federal Open Market Committee (FOMC, la commissione della Federal Reserve che prende le decisioni di politica monetaria) ha lasciato invariati i tassi d'interesse USA in un range del 2,00% -2,25%. Secondo quanto riporta MarketWatch, è di circa l'80% la probabilità che il quarto rialzo del 2018 venga deciso nell'incontro del Fomc di 18 e 19 dicembre.

A Milano il FTSE MIB ha terminato a -0,88%, il FTSE Italia All-Share a -0,80%, il FTSE Italia Mid Cap a -0,24%, il FTSE Italia STAR a -0,40%. Borsa italiana peggiore in Europa a causa delle tensioni tra governo e Commissione UE sulla manovra 2019: lo spread BTP-Bund si è riportato in area 300 bp.

*Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA la stima preliminare di novembre dell'indice di fiducia dei consumatori, *calcolato dall'Università del Michigan e da Reuters, si attesta a 98,3 punti, risultando superiore alle previsioni degli addetti ai lavori pari a 98 punti ma in lieve calo dalla rilevazione precedente pari a 98,6 punti. L'indice grezzo dei prezzi alla produzione USA ha evidenziato, nel mese di ottobre, un incremento dello 0,6% su base mensile dopo il +0,2% della rilevazione precedente (consensus +0,2%). Su Base annuale il PPI è salito del +2,9% dal +2,6% precedente (consensus +2,5%). L'ONS (Office for National Statistics) ha comunicato la prima stima del PIL nel Regno Unito: l'indice e' atteso in crescita nel terzo trimestre del 2018 dello 0,6%, dal +0,4% del secondo trimestre. Su base annuale il PIL e' atteso in crescita del 1,5% rispetto allo stesso periodo del 2017, in linea con le attese e in crescita dalla lettura del secondo trimestre (+1,2%).