Piazza Affari in ottima forma. Elezioni USA: Biden-Trump, sfida all'ultimo voto. FTSE MIB +1,4%.

Il FTSE MIB segna +1,4%, il FTSE Italia All-Share +1,4%, il FTSE Italia Mid Cap +1,0%, il FTSE Italia STAR +1,5%.

BTP e spread in miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,67% (chiusura precedente a 0,69%), lo spread sul Bund 130 bp (da 134) (dati MTS).

Mercati azionari europei in progresso: EURO STOXX 50 +1,1%, FTSE 100 +1,3%, DAX +1,2%, CAC 40 +1,5%, IBEX 35 -0,1%.

Circa mezz'ora prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici americani sono in forte rialzo: S&P 500 +1,6%, NASDAQ Composite +3,6%, Dow Jones Industrial +0,5%.

Durissimo testa a testa nelle elezioni presidenziali USA: le ultime proiezioni danno Biden in lieve vantaggio su Trump, ma la situazione potrebbe capovolgersi dato che alcuni Stati decisivi sono ancora in bilico.

Intesa Sanpaolo +3,8% accelera al rialzo dopo la pubblicazione dei risultati al 30 settembre e tocca i massimi dal 15 ottobre. Nel terzo trimestre il risultato della gestione operativa ammonta a 1.887 milioni di euro (escludendo l'apporto di 215 milioni di UBI Banca), in diminuzione dell' 1% rispetto ai 1.906 milioni del secondo trimestre 2020 e del 14% rispetto ai 2.193 milioni del terzo trimestre 2019. Per il futuro il management prevede che anche "considerando l'acquisizione di UBI Banca, viene confermata la politica dei dividendi del Gruppo, che prevede la distribuzione di un ammontare di dividendi cash corrispondente a un payout ratio pari al 75% del risultato netto per l'esercizio 2020 e al 70% per l'esercizio 2021, subordinatamente alle indicazioni che verranno fornite dalla BCE". Inoltre Intesa Sanpaolo "intende ottenere l'approvazione della BCE per una distribuzione cash da riserve nel 2021 alla luce dell'utile netto 2019 allocato a riserve nel 2020".

Nexi +5,1% in forte progresso, estende il rimbalzo dai minimi toccati a inizio settimana a seguito dell'annuncio delle trattative per una fusione con Nets. Intervento al Salone dei pagamenti 2020, l'a.d. Paolo Bertoluzzo ha dichiarato che le operazioni di integrazione con SIA e Nets, una volta portate a termine con successo, permetterebbero a Nexi di raggiungere le dimensioni anche a livello internazionale necessarie per fare investire 300 milioni di dollari l'anno e posizionarsi, in un'ottica di 5-10 anni, tra i 2-3 grandi player paneuropei.

Ferrari +2,5% a 172,25 euro: Kepler Cheuvreux conferma la raccomandazione buy sul titolo e incrementa il target da 170 a 200 euro. Credit Suisse ha migliorato il target del titolo da 198 a 240 dollari (204,88 euro al cambio attuale). Ferrari poco fa ha toccato il nuovo massimo storico a 174,40 euro estendendo il rally di ieri in scia ai risultati del terzo trimestre migliori delle attese per quanto riguarda i margini: ricavi a 888 milioni di euro (consensus Bloomberg a 894 milioni), EBITDA 330 milioni (consensus a 300 milioni), utile netto 171 milioni (consensus 145 milioni). Inoltre Ferrari ha migliorato la guidance 2020 portandola sul limite superiore della forchetta indicata ad agosto. In particolare il management prevede per l'intero esercizio ricavi superiori a 3,4 miliardi di euro (invariata), adjusted EBITDA a circa 1,125 miliardi di euro con margine a circa 32,5% (da 1,075-1,125 miliardi e 31% -32,5%) e utile diluito adjusted per azione a circa 2,8 euro (da 2,6-2,8 euro). La guidance è valida, sottolineano a Maranello "a condizione che l'operatività non sia impattata da ulteriori restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19". Il CEO Louis C. Camilleri nella presentazione ha dichiarato di prevedere un buon quarto trimestre, principalmente per quanto riguarda i volumi e i ricavi, con un portafoglio ordini "forte". Il manager ha confermato la presentazione di un nuovo modello entro fine anno ma ha anticipato alcuni ritardi nella presentazione delle nuove vetture.

Sale Banca MPS +4,1% alla vigilia del cda chiamato ad approvare i conti del terzo trimestre, conti che saranno penalizzati dagli accantonamenti anticipati nei giorni scorsi. Intanto la controllata Widiba ha sceglie le soluzioni di Nexi per supportare i clienti dei consulenti finanziari.

Safilo Group +3,8% guadagna terreno in scia agli ottimi risultati conseguiti nel terzo trimestre. I ricavi si sono attestati a 219,1 milioni di euro (+3,0% a/a), l'EBITDA adjusted a +14,3 milioni di euro (+9,3% a/a). Nei primi nove mesi i ricavi sono in calo del 21,7% a/a, in miglioramento dal -32,2% del primo semestre. Il management evidenzia che ad ottobre si sono confermati alcuni trend positivi visti nel terzo trimestre (mercati nordamericano, cinese e alcuni altri asiatici, nonchè le vendite online) ma mette in guardia dagli effetti di una "nuova ondata di contagi che sta emergendo in diversi paesi e nuove restrizioni governative alla circolazione delle persone", pertanto "il Gruppo guarda con molta prudenza alla restante parte dell'anno".

Gruppo FNM +6,2% accelera al rialzo dopo la notizia della firma del contratto di compravendita con Regione Lombardia, che disciplina i termini e le condizioni di un'operazione finalizzata alla creazione di una holding strategica nel settore delle infrastrutture in Lombardia. In particolare, l'operazione prevede l'acquisto da parte di FNM dell'intera partecipazione, pari all'82,4% del capitale sociale, in Milano Serravalle – Milano Tangenziali S.p.A. (MISE) detenuta da Regione Lombardia, per un corrispettivo complessivo di 519,2 milioni di Euro. Alla data di esecuzione del contratto di compravendita della partecipazione in MISE, Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. uscirà dal perimetro di consolidamento di MISE. A seguito del perfezionamento dell'operazione, nascerà il primo polo integrato autostrada-ferrogomma in Italia, con la creazione di un operatore infrastrutturale che rappresenterà un unicum sul mercato italiano.

Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: negli USA alle 15:45 indice Markit PMI servizi finale, alle 16:00 indice ISM non manifatturiero, alle 16:30 scorte petrolio settimanali (EIA).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)