Piazza Affari in progresso con STM e utility. FTSE MIB +0,66%.

*Il FTSE MIB segna +0,66%, il FTSE Italia All-Share +0,64%, il FTSE Italia Mid Cap +0,55%, il FTSE Italia STAR +0,67%.

BTP positivi, scende lo spread.* Il rendimento del decennale segna 0,91% (chiusura precedente a 0,93%), lo spread sul Bund segna 149 bp (da 151) (dati MTS).

*Mercati azionari europei in rialzo: *Euro Stoxx 50 +0,7%, FTSE 100 +0,8%, DAX +0,5%, CAC 40 +0,6%, IBEX 35 +0,5%.

Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA sono positivi: S&P 500 +0,2%, Nasdaq 100 +0,4%, Dow Jones Industrial +0,3%. Buoni i dati sui nuovi posti di lavoro a settembre.

Buona performance per STM +2,5% in scia all'indice SOX (settore semiconduttori USA) che ieri sera ha chiuso a +1,71%. In rialzo anche gli altri titoli europei del comparto: ASML +0,7%, Infineon +0,9%, AMS +1,5%, Dialog Semiconductor +3,3%.

*Diasorin +2,4% *prolunga il rimbalzo di ieri dopo la correzione delle due sedute precedenti. A inizio settimana scorsa il gruppo attivo nei servizi per l'immunodiagnostica e la diagnostica molecolare ha incassato la certificazione per la vendita in Europa del nuovo test molecolare VZV Direct. Il gruppo ha anche presentato domanda alla Food and Drug Administration per l'ottenimento della certificazione 510(k) per il mercato americano. Il 6 novembre è prevista la riunione del cda per l'approvazione dei dati del terzo trimestre 2019.

Utility in rialzo grazie alle ultime notizie riferite dal Sole 24 Ore sul tema della liberalizzazione del mercato retail elettrico (abolizione della maggior tutela). Si ipotizza che la liberalizzazione sarà graduale (e non da metà 2020) per tutelare gli utenti minori. In evidenza Hera +1,6%, Enel +1,8%, A2A +1,6%, Snam +1,3%.