Piazza Affari in rialzo con bancari e Prysmian. Spread in calo. FTSE MIB +0,84%.

*Mercati azionari europei positivi. Wall Street in netto progresso: *a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,6% (nuovo massimo storico), NASDAQ Composite +1,2% (nuovo massimo storico), Dow Jones Industrial +0,5%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,84%, il FTSE Italia All-Share a +0,81%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,65%, il FTSE Italia STAR a +1,17%.

BTP positivi, scende lo spread. Il rendimento del decennale segna 1,26% (chiusura precedente a 1,28%), lo spread sul Bund segna 161 bp (da 163) (dati MTS).

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo che negli USA l'indice Chicago Fed National Activity nel mese di ottobre si e' attestato a -1,14 punti, nettamente inferiore alla rilevazione di settembre pari a -0,45 punti. Le attese erano fissate su un indice di -0,43 punti. L'indice degli affari della Fed di Dallas nel mese di novembre si e' attestato a -1,3 punti, da -5,1 punti registrati nel mese di ottobre. Le attese erano fissate su un indice negativo di 11,3 punti. In Germania e' stato reso noto che l'indice IFO sul clima di fiducia delle imprese tedesche relativo al mese di novembre si e' attestato a 95 punti, pari alle attese degli analisti e superiore alla rilevazione precedente pari a 94,7 punti. L'indice IFO (aspettative) e' risultato pari a 92,1 punti (consensus 92,5 punti) da 91,6 punti di ottobre (rivisto da 91,5 punti). L'indice IFO sulle condizioni attuali e' salito a 97,9 punti dai 97,8 punti di ottobre (consensus 97,9). Nel Regno Unito la Confederation of British Industry (CBI) ha annunciato che l'indice relativo alle vendite al dettaglio e' risultato pari a -3 punti a novembre, ancora in calo ma superiore alla rilevazione di ottobre, pari a -10 punti e a quella di settembre, pari a -16 punti. Gli analisti avevano stimato un decremento di 10 punti.