Piazza Affari in rialzo: brillano industriali e lusso, TIM su minimi da 2013. FTSE MIB +0,47%.

Mercati azionari europei positivi. Wall Street in verde: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,2%, Nasdaq Composite +0,2%, Dow Jones Industrial +0,4%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,47%, il FTSE Italia All-Share a +0,45%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,42%, il FTSE Italia STAR a +0,18%.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA a luglio la stima preliminare dell'indice di fiducia dei consumatori statunitensi, calcolato dall'Università del Michigan e da Reuters, si attesta a 97,1 punti, risultando inferiore alle previsioni degli addetti ai lavori pari a 98,1 punti e alla rilevazione precedente pari a 98,2 punti. I prezzi alle importazioni USA nel mese di giugno sono diminuiti dello 0,4% su base mensile dopo l'incremento dello 0,9% di maggio (rivisto da +0,6%). Le attese degli analisti erano per un incremento dei prezzi dello 0,1% su base mensile. Rispetto all'anno precedente si è rilevata una crescita pari al 4,3%, pari alle attese. I prezzi delle esportazioni sono cresciuti dello 0,3% a giugno, dal +0,6% di maggio. Rispetto a un anno fa i prezzi delle esportazioni sono cresciuti del 5,3% (consensus +5,7%) dal +4,9% precedente.

*Seduta molto positiva per Leonardo (+4,53%) *che accelera e tocca i massimi da metà giugno approfittando della buona intonazione del comparto: l'indice STOXX Europe Total Market Aerospace & Defense segna +0,9%. Ieri il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha detto che i Paesi membri si sono impegnati a salire al 2% del PIL per le spese destinate alla Difesa (Trump chiedeva il 4%). Leonardo beneficia anche della decisione del cda di Banca MPS (-0,04%) di non costituirsi parte civile nel procedimento contro Alessandro Profumo, ex presidente della banca senese e attuale a.d. del gruppo della difesa, rinviato a giudizio con l'ex a.d. Fabrizio Viola con l'accusa di manipolazione di mercato e false comunicazioni sociali. Inoltre a fine mattinata Leonardo ha annunciato la firma di un contratto con la Guardia di Finanza del valore di circa 44 milioni di euro per la fornitura di un ATR 72MP e dei relativi servizi di supporto tecnicologistico ed addestrativi, con opzioni successive che porterebbero il valore complessivo dell'accordo fino a circa 250 milioni di euro. La prima consegna sarà effettuata nel 2019.