Piazza Affari in rosso con STM e finanziari, positiva Eni. FTSE MIB -1,04%.

*Il FTSE MIB segna -1,04%, il FTSE Italia All-Share -1,17%, il FTSE Italia Mid Cap -2,10%, il FTSE Italia STAR -2,00%.

Mercati azionari europei negativi:* Euro Stoxx 50 -0,7%, FTSE 100 -1,2%, DAX 30 -1,0%, CAC 40 -0,8%, IBEX 35 -0,6%.

*Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA sono stabili: S&P 500 invariato, NASDAQ 100 -0,1%, Dow Jones Industrial invariato.

STMicroelectronics (-4,2% a 15,2950 euro)* accelera al ribasso e tocca a 15,02 euro i minimi da settembre 2017. Il titolo è penalizzato dalla debolezza dell'indice di riferimento dei semiconduttori USA: il SOX ieri ha ceduto l'1,84%. I titoli del settore IT di USA e Asia sono andati in difficoltà a causa di un articolo di Bloomberg BusinessWeek, secondo cui apparati per data center usati da Amazon Web Services e Apple potrebbero essere stati oggetti di sorveglianza da parte del governo cinese attraverso un minuscolo microchip inserito durante il processo di produzione delle attrezzature.

Bancari e finanziari in rosso a causa del rialzo dei rendimenti. La Stampa ha rivelato la visita di Mario Draghi a Sergio Mattarella di mercoledì scorso: il numero uno della BCE ha voluto esprimere di persona al Presidente della Repubblica le proprie preoccupazioni sulla prossima manovra finanziaria e sul giudizio che verrà espresso a fine mese dalle agenzie di rating. Il rendimento del BTP sale al 3,40%, +7 bp rispetto alla chiusura di ieri. Vendite su Banca Generali (-2,7%), Intesa Sanpaolo (-3%), Banco BPM (-2,7%), Unicredit (-2,6%).

Debole anche Banca Mediolanum (-2,7%) che ha chiuso settembre con una raccolta netta totale pari a 96 milioni di euro, il risultato peggiore da molti mesi.