Piazza Affari in verde. Bene i bancari, in rosso Atlantia. Sale lo spread. FTSE MIB +0,6%.

Il FTSE MIB segna +0,6%, il FTSE Italia All-Share +0,5%, il FTSE Italia Mid Cap +0,3%, il FTSE Italia STAR -0,4%.

BTP e spread in lieve peggioramento. Il rendimento del decennale segna 0,76% (chiusura precedente a 0,72%), lo spread sul Bund 136 bp (da 132) (dati MTS).

Mercati azionari europei contrastati: EURO STOXX 50 +0,1%, FTSE 100 +0,4%, DAX -0,7%, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 +1,1%.

Circa mezz'ora prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici americani sono in verde: S&P 500 +0,4%, NASDAQ 100 +0,2%, Dow Jones Industrial +0,4%.

Bancari in ottima forma: l'indice FTSE Italia Banche segna +1,7%, l'EURO STOXX Banks +1,8%. UniCredit +2,5%, Intesa Sanpaolo +1,4%, Mediobanca +0,9%.

BPER Banca (asta di volatilità, teorico +10,26%) balza in avanti e tocca i massimi dal 5 ottobre. Ieri è stato l'ultimo giorno utile per negoziare i diritti di opzione per l'acquisto delle nuove azioni relative all'aumento di capitale da 800 milioni di euro finalizzato a finanziare l'acquisizione dei 532 sportelli Intesa-UBI. I diritti potranno essere esercitati fino a venerdì prossimo 23 ottobre.

Banco BPM +4,0% accelera su indiscrezioni secondo cui le trattative per l'integrazione con Credit Agricole Italia stanno per entrare nel vivo. BPM già da qualche settimana ha selezionato Lazard come advisor: manca ancora quello dei francesi ma sembra che la scelta possa avvenire a breve. La favorita al momento è Rothschild, in seconda fila Morgan Stanley e Jp Morgan.

Banca MPS +4,3% brillante dopo i rumor secondo cui la condanna agli ex vertici Fabrizio Viola e Alessandro Profumo potrebbe far scattare l'azione di responsabilità verso i due manager. Rocca Salimbeni potrebbe decidere di accantonare oltre 500 milioni di euro nel terzo trimestre (cda il 5 novembre) per coprirsi dal rischio di soccombenza nelle cause di per danni causati dalla gestione di Viola-Profumo (pari a 2,2 miliardi).

Atlantia -2,7% ancora sotto i riflettori per la vicenda Autostrade. Il cda della holding dei Benetton era convocato per ieri pomeriggio e avrebbe dovuto esaminare la proposta di CDP in consorzio con Blackstone e Macquarie: il board si è però aggiornato a oggi dato che l'offerta di acquisto dell'88% di AspI in mano ad Atlantia è arrivata solo in serata. CDP propone la firma entro il 28 di ottobre di un Memorandum of Understanding tra tutte le parti in gioco che disciplini in dettaglio i principali termini e condizioni dell'operazione: al MoU seguirebbe una due diligence di circa 10 settimane e quindi l'offerta definitiva. Il MoU conterrebbe anche la governance della newco acquirente di AspI: CDP avrebbe nella sostanza il controllo pur con una quota inferiore al 50%. CDP e soci si aspettano anche che Atlantia rinvii l'assemblea del 30 ottobre convocata per l'approvazione del percorso di vendita "dual track" di AspI. Secondo indiscrezioni di stampa Atlantia non ha accolto favorevolmente l'assenza nella proposta di CDP di un'indicazione del prezzo di AspI: i rumor indicano cifre intorno ai 9 miliardi di euro per il 100% ma resta da valutare la quantificazione del rischio cause legate al crollo del Ponte Morandi (intorno al miliardo). Intanto il fondo TCI avrebbe superato il 10% di Atlantia in vista dell'assemblea: secondo i gestori il 100% di AspI vale 11-12 miliardi e quindi stanno affilando le armi per far valere le loro argomentazioni.

Autogrill +2,7% guadagna terreno in scia a Dufry +7,8%. Il gruppo svizzero concorrente di Autogrill ha annunciato i dettagli dell'aumento di capitale, cui parteciperà anche Alibaba, per una raccolta complessiva di 820 milioni di franchi (poco meno di 770 milioni di euro). Al termine dell'aumento Advent International salirà all'11,4% in Dufry, mentre Alibaba avrà il 6,1%. L'ingresso del gigante cinese dell'e-commerce nel capitale di Dufry fa parte dell'intesa per la costituzione di una joint venture in Cina (di cui Alibaba avrà il 51%).

Fiera Milano -3,4% perde terreno, probabilmente penalizzata dall'ok del governo al coprifuoco in Lombardia. Il Dpcm di domenica consente lo svolgimento delle manifestazioni fieristiche a carattere nazionale e internazionale "previa adozione di Protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico".

Banca Profilo +5,1% riduce i guadagni dopo aver toccato in avvio il massimo da inizio giugno: secondo indiscrezioni di stampa nei giorni scorsi sono arrivate offerte di acquisto da parte di fondi italiani ed esteri (tra cui Attestor che controlla Banca Intermobiliare). Banca Profilo è controllata dalla Sator di Matteo Arpe con il 53,5% (dati Consob).

Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: negli USA alle 22:30 scorte petrolio settimanali (API).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)