Piazza Affari in verde. Brillano UniCredit, STM e Saipem. FTSE MIB +0,56%.

*Il FTSE MIB segna +0,56%, il FTSE Italia All-Share +0,53%, il FTSE Italia Mid Cap +0,35%, il FTSE Italia STAR +0,77%.

BTP in forte ribasso *dopo le dichiarazioni del ministro dell'Economia Giovanni Tria sul rischio di crescita zero dell'Italia. Il decennale rende il 2,68% (+19 bp rispetto alla chiusura precedente), lo spread sul Bund segna 272 bp (+18 bp) (dati MTS).

Mercati azionari europei in progresso: Euro Stoxx 50 +0,7%, FTSE 100 +0,7%, DAX +1,1%, CAC 40 +0,8%, IBEX 35 +0,7%.

*Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA sono positivi: S&P 500 +0,6%, Nasdaq 100 +0,8%, Dow Jones Industrial +0,6%.

UniCredit, +3,5%* a 11,8260 euro, in forte rialzo grazie a Goldman Sachs. L'investment bank americana ha confermato la raccomandazione buy e il target a 18,20 euro, ma soprattutto ha inserito il titolo nella lista dei titoli da acquistare. Mediobanca ha confermato il giudizio outperform e incrementato il target da 16 a 17 euro.

Petroliferi in buona forma grazie al rally del greggio, salito sui massimi da novembre: il future giugno sul Brent segna 68,50 $/barile, il future maggio sul WTI segna 60,80 $/barile. A Milano bene Tenaris +1,9% ed Eni +0,1%.* Uno spunto in più per Saipem +3,1%* grazie alle indiscrezioni di Bloomberg su trattative attualmente in corso per la vendita delle divisioni drilling onshore e offshore. Si parla di due operazioni distinte: la divisione offshore potrebbe essere ceduta a un competitor. A fine febbraio, in occasione della pubblicazione dei dati preconsuntivi 2018, l'a.d. Stefano Cao aveva affermato che quello attuale sarà un buon anno per realizzare opzioni strategiche nel business della perforazione (drilling).