Piazza Affari in verde, prevale l'attesa per il Recovery Fund. FTSE MIB +0,31%.

*Mercati azionari europei in ordine sparso. Wall Street incerta: *a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,1%, NASDAQ Composite +0,1%, Dow Jones Industrial -0,2%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,31%, il FTSE Italia All-Share a +0,35%, il FTSE Italia Mid Cap a -0,15%, il FTSE Italia STAR a +0,43%.

*Oggi primo dei due giorni del Consiglio Europeo straordinario sul piano per la ripresa in risposta alla crisi COVID-19 *e il nuovo bilancio a lungo termine dell'UE. Il punto principale di discussione sarà il Recovery Fund da 750 miliardi di euro. Un accordo era atteso per inizio settimana prossima ma Merkel e Macron nelle ultime ore hanno fatto riferimento a fine del mese per un'intesa. Dichiarazioni pessimistiche sulle possibilità di trovare un accordo sono giunte da parte dei premier di Olanda (Rutte) e Austria (Kurz).

BTP e spread in miglioramento. Il rendimento del decennale segna 1,18% (chiusura precedente a 1,20%), lo spread sul Bund 163 bp (da 165) (dati MTS).

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo negli USA: indice fiducia consumatori (univ. Michigan) preliminare luglio 73,2 punti da 78,1 (atteso 79); nuovi cantieri residenziali giugno 1186 mila da 1011 mila (attesi 1169 mila), licenze edilizie a 1241 mila da 1216 mila (attesi 1290 mila). Nell'Eurozona: inflazione giugno +0,3% a/a da +0,1% a/a (atteso +0,3%). In Italia: a maggio fatturato dell'industria +41,9% m/m e -25,9% a/a, ordini all'industria +42,2% m/m e -34,7% a/a.

STM +2,39% torna a guadagnare terreno dopo le incertezze delle ultime sedute e tocca i massimi da fine febbraio. Inizia a montare l'attesa per i risultati del secondo trimestre: saranno pubblicati giovedì prossimo 23 luglio. Da segnalare anche il sostegno proveniente dalla buona performance del future sul NASDAQ 100.

*Bene le utility *grazie all'ufficio studi di Deutsche Bank: su Enel, +2,11% a 8,4270 euro, confermata la raccomandazione buy e incrementato il target da 7,20 a 8,70. Su Snam, +1,80% a 4,6480 euro, confermata la raccomandazione buy sul titolo e incrementato il target da 4,50 a 4,90 euro.

In rosso CNH Industrial -1,90%. Il 30 luglio il gruppo comunicherà i dati del secondo trimestre: il consensus FactSet è per una perdita per azione da 0,11 dollari dopo il rosso da 6 centesimi del primo.

Bancari in lieve calo: l'indice FTSE Italia Banche segna -0,13%. Banco BPM -0,18%, Mediobanca -0,65%.

Positiva UBI Banca +1,18%. L'autorità antitrust ha autorizzato l'operazione di acquisizione del controllo da parte di Intesa Sanpaolo -0,41% "subordinatamente all'esecuzione di cessioni strutturali in linea con quanto previsto nell'Accordo BPER e dagli Impegni ISP, come definiti nel Documento di Offerta, imponendo talune specifiche misure attuative in relazione alle predette cessioni di sportelli".

Piaggio +3,69% sale e tocca i massimi da febbraio in scia ai dati relativi al mercato tedesco delle due ruote a giugno. In Germania le vendite di moto e scooter hanno fatto segnare un sonoro +33,4% con il gruppo di Pontedera leader di mercato nel mese con vendite in crescita del 28,2%.

Digital Bros, +7,71%, fa segnare a 23,80 euro il nuovo massimo storico segnalando di possedere le energie necessarie per estendere il rally verso obiettivi a 27 e 29 euro. La permanenza sopra la media mobile a 50 giorni, a 20 euro circa, conferma l'impostazione rialzista di fondo. Flessioni sotto questo riferimento comporterebbero un indebolimento verso 15,50 circa, supporto critico in ottica temporale più ampia.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)