Piazza Affari incerta, Trump aggressivo sui dazi. BTP positivi ma spread in rialzo. FTSE MIB +0,03%.

Mercati azionari europei deboli. Wall Street negativa: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -1,1%, NASDAQ Composite -1,1%, Dow Jones Industrial -1,5%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,03%, il FTSE Italia All-Share a -0,05%, il FTSE Italia Mid Cap a -0,67%, il FTSE Italia STAR a +0,03%.

Mercati azionari negativi dopo le dichiarazioni del presidente USA Donald Trump sull'introduzione di dazi pari al 100% su importazioni di prodotti francesi per 2,4 miliardi di dollari, in rappresaglia per il nuovo regime fiscale di Parigi relativo ai servizi digitali, che andrebbe a colpire colossi americani come Google, Facebook e Amazon. Trump a Londra (dove si trova per il vertice NATO) ha anche detto di non aver fissato un termine preciso per raggiungere un accordo con Pechino e di ritenere che sarebbe meglio attendere le elezioni del novembre 2020. Trump ha aggiunto che la Cina vuole un accordo subito ma "dovremo vedere se sarà un giusto accordo, deve esserlo". Per Trump Pechino ha "fregato" gli USA per molti anni a causa di una mancanza di leadership. Infine Reuters riferisce quanto appreso da alcune fonti vicine alla situazione: gli USA avevano preso in considerazione l'ipotesi di bandire il colosso cinese Huawei dal sistema finanziario americano, impedendogli sostanzialmente di fare affari con soggetti USA. La misura è stata considerata come la più distruttiva tra tutte quelle possibili per sanzionare la società e quindi messa da parte: una delle fonti ha però dichiarato che potrebbe essere ripresa in considerazione nel caso fosse necessario.

BTP positivi ma spread in rialzo. Il rendimento del decennale segna 1,38% (chiusura precedente a 1,43%), lo spread sul Bund segna 173 bp (da 171) (dati MTS).