Piazza Affari negativa e balzo BTP dopo dimissioni Conte. FTSE MIB -1,11%.

Mercati azionari europei in rosso. Wall Street incerta: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,1%, NASDAQ Composite invariato, Dow Jones Industrial invariato. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -1,11%, il FTSE Italia All-Share a -1,01%, il FTSE Italia Mid Cap a -0,34%, il FTSE Italia STAR a -0,28%.

BTP in forte progresso nel finale, scende lo spread. Il rendimento del decennale segna 1,35% (chiusura precedente a 1,47%), lo spread sul Bund 204 bp (da 211) (dati MTS). Colpo di coda del benchmark italiano dopo una seduta di incertezza nel giorno delle dimissioni del premier Conte.

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo che Eurostat ha comunicato che a giugno nell'eurozona la produzione nel settore delle costruzioni è rimasta invariata rispetto a maggio ed è salita dell'1,0% rispetto a giugno 2018 (dati precedenti -0,5% e +1,7% rispettivamente). In Germania l'indice dei prezzi alla produzione nel mese di luglio è cresciuto dello 0,1% rispetto al mese precedente contro il -0,4% di giugno. Gli economisti avevano previsto un dato stabile. Su base annua l'indice è cresciuto dell'1,1% contro il +1,0% del consensus. Nel Regno Unito l'indice CBI relativo all'andamento degli ordini industriali ad agosto si è attestato a -13 punti (precedente -34, consensus -25).

Bancari in flessione dopo il bel progresso di ieri: l'indice FTSE Italia Banche segna -1,31%. Perdono terreno BPER Banca -3,18%, Banco BPM -2,56%, UBI Banca -2,38%, UniCredit -2,24%.

Atlantia -2,98% in correzione dopo il +3,80% messo a segno ieri dopo che la Corte di Cassazione ha deciso che i motivi per i quali la Corte di Appello di Roma nell'aprile 2018 aveva sentenziato che il sistema di controllo della velocità media Tutor violasse le norme relative alla proprietà intellettuale della società Craft sono del tutto infondati. Autostrade per l'Italia (gruppo Atlantia) ha già riattivato le squadre per la reinstallazione del Tutor: i controlli su circa 1000 km di tratte autostradali dovrebbero essere in funzione entro i giorni del controesodo.