Piazza Affari peggiore in Europa. Nexi e DiaSorin sotto pressione, bene bancari e RCS. FTSE MIB -0,4%.

Il FTSE MIB segna -0,4%, il FTSE Italia All-Share -0,5%, il FTSE Italia Mid Cap -0,6%, il FTSE Italia STAR -0,8%.

BTP e spread poco mossi. Il rendimento del decennale segna 1,60% (chiusura precedente a 1,61%), lo spread sul Bund 203 bp (da 205) (dati MTS). In giornata sono attese le indicazioni della Commissione Europea sul Recovery Fund.

Mercati azionari europei positivi: Euro Stoxx 50 +0,6%, FTSE 100 +1,0%, DAX +0,6%, CAC 40 +0,5%, IBEX 35 +0,9%.

Future sugli indici azionari americani in verde: S&P 500 +0,8%, NASDAQ 100 +0,8%, Dow Jones Industrial +0,8%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +1,23%, NASDAQ Composite +0,17%, Dow Jones Industrial +2,17%.

Mercato azionario giapponese positivo, il Nikkei 225 ha chiuso a +0,70%. Borse cinesi in rosso: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha terminato a -0,70%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,7% circa.

Nexi, -6,8% a 14,27 euro, in forte ribasso dopo che Mercury Uk Holdco Ltd (azionista di riferimento della società) ha collocato una una quota dell'8,8% del capitale a 14,20 euro per azione, scendendo al 43,4%.

Bancari positivi: l'indce FTSE Italia Banche segna +0,7%. Mediobanca +1,6%, UniCredit +1,2%. In verde anche UBI Banca +0,1% che passa alle vie di fatto contro l'offerta pubblica di scambio lanciata a febbraio da Intesa Sanpaolo +0,8%. Nella serata di ieri l'istituto ha informato che il cda "ha deliberato l'avvio di un'azione volta ad accertare che, a causa dell'avveramento della condizione MAC di efficacia dell'offerta pubblica di scambio promossa da Intesa Sanpaolo S.p.A. ("ISP") – determinato dalla pandemia Covid-19 – e della mancata tempestiva rinunzia di ISP a tale condizione, gli effetti della Comunicazione del 17 febbraio 2020 (il lancio dell'OPS, ndr), effettuata da ISP [...] sono cessati, con tutte le relative conseguenze, incluso il venir meno della c.d. "passivity rule" in capo a UBI Banca". In sostanza UBI Banca agirà legalmente per far decadere l'OPS di Intesa e ottenere di conseguenza lo stop al divieto di "compiere atti od operazioni che possono contrastare il conseguimento degli obiettivi dell'offerta" (la passivity rule, art. 104 del Testo Unico della Finanza): in pratica il cda potrà (se l'azione legale avrà successo) mettere in atto mosse difensive contro Intesa.

DiaSorin, -6,3% a 184,60 euro, in ulteriore flessione dopo il -5,92% di ieri. Si tratta di un fisiologica correzione dopo il rally delle ultime sedute: due giorni fa DiaSorin ha toccato il massimo storico a 211,80 euro.

RCS MediaGroup +14,9% accelera e tocca i massimi da fine aprile dopo che il Tribunale Arbitrale della Camera Arbitrale di Milano ha pronunciato un Lodo parziale e non definitivo con contestuale ordinanza istruttoria in merito al contenzioso relativo alla vendita e contestuale locazione del complesso immobiliare di Via Solferino/Via San Marco/Via Balzan avvenuta nel 2013. Il Tribunale ha affermato la propria competenza a decidere sulle domande di RCS (incluse quelle risarcitorie), respingendo tutte le relative eccezioni pregiudiziali e preliminari sollevate dall'acquirente; ha escluso l'invalidità dei contratti con cui è stata conclusa la vendita; ha rilevato che il comportamento dell'acquirente potrebbe dare luogo al risarcimento del danno in favore di RCS.

Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: alle 09:30 intervento Lagarde (BCE). Negli USA alle 16:00 indice Richmond Fed (manifatturiero), alle 20:00 Beige Book (Fed), alle 22:30 scorte settimanali petrolio (API).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)