Piazza Affari peggiore in Europa, pesa vicenda Rixi. FTSE MIB -0,26%.

*Mercati azionari europei positivi. Wall Street sopra la parità: *a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,2%, NASDAQ Composite +0,3%, Dow Jones Industrial +0,1%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -0,26%, il FTSE Italia All-Share a -0,18%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,36%, il FTSE Italia STAR a +0,19%. La borsa italiana ha perso terreno dopo la notizia della condanna in primo grado a tre anni e cinque mesi del sottosegretario alle Infrastrutture Edoardo Rixi (Lega), a processo a Genova per peculato e falso. Rixi ha dato le dimissioni dal governo.

BTP stabili. Il decennale rende il 2,66% contro il 2,66% della chiusura di ieri, lo spread sul Bund segna 282 bp (da 282) (dati MTS).

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo che negli USA la seconda stima del PIL relativo al primo trimestre 2019 si attesta a +3,1%, inferiore alla lettura precedente (fissata a +3,2%) ma pari alle attese. L'inflazione misurata dall'indice PCE è aumentata a un ritmo trimestrale dello 0,5% dal precedente 0,6% (consensus +0,6%). Negli USA la National Association of Realtors ha reso noto che l'indice Pending Home Sales (vendite di case con contratti ancora in corso) ha evidenziato ad aprile un decremento dell'1,5% dopo l'incremento del 3,8% a marzo. Gli addetti ai lavori avevano stimato una variazione positiva pari allo 0,9% mese su mese. L'indice è sceso a 104,3 punti da 105,9 punti precedenti. L'EIA (Energy Information Administration) ha comunicato che, nella settimana terminata lo scorso 25 maggio, le scorte di petrolio negli USA sono diminuite di 0,282 mln di barili. Le stime degli analisti erano fissate su un decremento pari a 0,857 mln di barili. Nella settimana precedente le scorte di petrolio greggio erano aumentate di 4,740 milioni di barili.