Piazza Affari poco mossa. Atlantia crolla: rischio revoca concessioni diventa concreto. FTSE MIB -0,1%.

Il FTSE MIB segna -0,1%, il FTSE Italia All-Share -0,1%, il FTSE Italia Mid Cap +0,2%, il FTSE Italia STAR -0,0%.

BTP e spread stabili. Il rendimento del decennale segna 1,20% (chiusura precedente a 1,20%), lo spread sul Bund 165 bp (da 164) (dati MTS). Ieri terzo giorno del collocamento del BTP Futura, con domanda in rallentamento: la giornata si è chiusa con richieste a 1,16 miliardi di euro. Alla fine del primo giorno erano state di quasi 2,4 miliardi, nel secondo di quasi 1,7 miliardi.

Mercati azionari europei in ripiegamento dopo un avvio positivo: EURO STOXX 50 +0,4%, FTSE 100 -0,2%, DAX +0,8%, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 -0,1%.

Future sugli indici azionari americani sotto la parità: S&P 500 -0,3%, NASDAQ 100 -0,0%, Dow Jones Industrial -0,4%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,78%, NASDAQ Composite +1,44%, Dow Jones Industrial +0,68%.

Mercato azionario giapponese positivo, il Nikkei 225 ha chiuso a +0,40%. Borse cinesi in verde: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha terminato a +1,40%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna +0,1% circa.

Atlantia in forte ribasso (asta di volatilità, teorico -7,24%) dopo che la Corte Costituzionale ha dichiarato non illegittima la decisione di estromettere la controllata Autostrade per l'Italia "dalla procedura negoziata volta alla scelta delle imprese alle quali affidare le opere di demolizione e di ricostruzione" del Ponte Morandi, e rigettato le istanze contro "l'obbligo della concessionaria di far fronte alle spese di ricostruzione del Ponte e di esproprio delle aree interessate". Durissimo il premier Conte sul tema della revoca delle concessioni: "o arriva una proposta della controparte che è particolarmente vantaggiosa per lo Stato oppure procediamo alla revoca, pur consapevoli che comporta insidie giuridiche", "entro questo fine settimana". La decisione potrebbe essere portata in Consiglio dei Ministri, data la sua importanza. Il viceministro delle Infrastrutture Giancarlo Cancellieri (5 Stelle) in una intervista a Repubblica ha dichiarato che il governo rischia la crisi se non si trova un accordo sul tema.

Buon avvio per gli industriali dopo i cali di ieri: Buzzi Unicem +1,9%, Prysmian +1,4%, STM +1,3%.

Cerved +3,8% tocca i massimi da circa un mese grazie a quanto riferito da MF-Milano Finanza: il gruppo ha ripreso il lavoro di ricerca di un soggetto interessato alla propria divisione NPL. A metà febbraio era stata avviata una trattativa in esclusiva con Intrum, poi interrotta "alla luce del particolare periodo di congiuntura economico-finanziaria riconducibile all'emergenza epidemiologica da COVID-19". Un nuovo processo di valorizzazione potrebbe partire dopo la presentazione dei risultati del primo semestre in programma il 30 luglio.

d'Amico International Shipping, +6,4% a 0,1030 euro, guadagna ulteriore terreno e sale sui livelli massimi da oltre un mese. Il titolo approfitta ancora dell'annuncio della vendita delle navi MT High Progress e della MT High Performance per un importo pari a 12,95 milioni di dollari a nave. L'accordo consente alla controllata d'Amico Tankers di generare alla consegna delle due navi (stimata tra il terzo e il quarto trimestre del 2020) circa 16,3 milioni di dollari di cassa totale, al netto delle commissioni e del rimborso del debito bancario esistente. Si tratta di due delle navi più vecchie della flotta (costruite nel 2005): l'età media delle navi di proprietà e a noleggio a scafo nudo della flotta è pari a 6,8 anni. Ieri Kepler Cheuvreux ha confermato la raccomandazione buy sul titolo con target ridotto da 0,15 a 0,14 euro. Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: negli USA alle 14:30 richieste settimanali sussidi disoccupazione, alle 16:00 scorte all'ingrosso.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)