Piazza Affari poco mossa. Bancari in rosso, bene le utility. FTSE MIB -0,04%.

*Il FTSE MIB segna -0,04%, il FTSE Italia All-Share +0,02%, il FTSE Italia Mid Cap +0,57%, il FTSE Italia STAR +0,79%.

BTP e spread stabili.* Il rendimento del decennale segna 0,84% (chiusura precedente a 0,83%), lo spread sul Bund segna 142 bp (da 141) (dati MTS).

Mercati azionari europei incerti: Euro Stoxx 50 +0,04%, FTSE 100 -0,45%, DAX -0,04%, CAC 40 +0,15%, IBEX 35 +0,27%.

Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA sono in verde: S&P 500 +0,3%, Nasdaq 100 +0,3%, Dow Jones Industrial +0,2%.

*Utility in evidenza grazie al miglioramento delle valutazioni sui titoli del settore da parte di Kepler Cheuvreux. *Bene Hera +2,1%, Terna +2,1% e soprattutto Acea +6,8% a 18,18 euro, che tocca a 18,20 il massimo dall'estate 2000. Il broker ha migliorato la raccomandazione sul titolo da hold a buy e incrementato il target da 16 a 19 euro. Il miglioramento delle valutazioni si basa su due elementi: la riduzione del costo medio ponderato stimato del capitale per il business regolato e l'elevata improbabilità dell'ipotesi di nazionalizzazione del business dell'acqua.

*Bancari in rosso: *l'indice FTSE Italia Banche segna -0,6%. In calo Banco BPM -1,6%, BPER Banca -1,6%, FinecoBank -1,1%.

In controtendenza Banca MPS +1,5% dopo le dichiarazioni di Alessandro Rivera, Direttore Generale del Tesoro, rese ieri a margine di un evento alla Luiss. Alla domanda sull'esistenza di eventuali scenari di consolidamento per Banca MPS Rivera ha risposto affermativamente: "Certo, lo dobbiamo fare per forza, lo stiamo facendo". Il riferimento è alla scadenza di fine anno per indicare alla UE come il Tesoro intenda uscire dal capitale di Rocca Salimbeni. Lo Stato Italiano è infatti socio di maggioranza con il 68%, quota frutto della ricapitalizzazione precauzionale del 2017. L'uscita di scena dell'azionista pubblico è il tema principale dei prossimi mesi: durante l'estate si sono diffuse indiscrezioni secondo cui Roma sta cercando di ottenere una proroga di sei mesi.