Piazza Affari poco sotto la parità: attesa per voto Brexit. FTSE MIB -0,11%.

*Il FTSE MIB segna -0,11%, il FTSE Italia All-Share -0,09%, il FTSE Italia Mid Cap -0,05%, il FTSE Italia STAR -0,08%.

BTP e spread poco mossi.* Il rendimento del decennale segna 1,00% (chiusura precedente a 1,00%), lo spread sul Bund segna 138 bp (da 139) (dati MTS).

Mercati azionari europei in leggero calo: Euro Stoxx 50 -0,2%, FTSE 100 -0,1%, DAX -0,0%, CAC 40 -0,5%, IBEX 35 -0,2%.

Ieri a fine mattinata il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker e il premier britannico Boris Johnson hanno annunciato che l'accordo per l'uscita ordinata del Regno Unito dalla UE è stato finalmente raggiunto. Il DUP (Democratic Unionist Party, Partito Unionista Democratico, movimento dell'Irlanda del Nord) ha però confermato il proprio no, mettendo a serio rischio la possibilità di approvazione dell'accordo da parte del Parlamento britannico nel voto di domani.

Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA sono stabili: S&P 500 -0,01%, Nasdaq 100 -0,04%, Dow Jones Industrial -0,07%.

Bancari in verde: l'indice FTSE Italia Banche segna +0,3%. Bene UBI Banca +0,6%, FinecoBank +0,4%, Mediobanca +0,2%. Buona performance per BPER Banca +1,9% a 3,9020 euro: HSBC ha migliorato la raccomandazione sul titolo da hold a buy con target a 4,40 euro.

Leonardo -3,5% negativa in scia a Thales (-6,0% a Parigi). Il gruppo francese ha rivisto al ribasso l'obiettivo dei ricavi 2019 a +1% a/a da +3-4% a causa della debole performance dei settori Aerospace e Defence & Security. Nel terzo trimestre i ricavi si sono attestati a 4,2 miliardi di euro, +23,4% a/a (+0,9% su base confrontabile), in linea con le attese.