Piazza Affari sopra la parità. BTP e spread in lieve miglioramento. FTSE MIB +0,14%.

*Il FTSE MIB segna +0,14%, il FTSE Italia All-Share +0,06%, il FTSE Italia Mid Cap -0,48%, il FTSE Italia STAR -0,36%.

BTP e spread in lieve miglioramento.* Il rendimento del decennale segna 1,28% (chiusura precedente a 1,29%), lo spread sul Bund segna 155 bp (da 157) (dati MTS).
*
Mercati azionari europei stabili:* Euro Stoxx 50 +0,0%, FTSE 100 +0,1%, DAX -0,3%, CAC 40 -0,0%, IBEX 35 -0,0%.

Circa mezz'ora prima dell'apertura di Wall Street i principali indici USA sono sopra la parità: S&P 500 +0,1%, Nasdaq 100 +0,1%, Dow Jones Industrial +0,1%.

*Si concretizzano le indiscrezioni della scorsa settimana secondo cui l'accordo per la fusione tra FCA (+0,4%) *e PSA Peugeot (+1,1% a Parigi) sarebbe stato ufficializzato prima di Natale. Sale anche la controllante Exor +1,2%. E' stato infatti firmato oggi il "Combination Agreement vincolante che prevede una fusione paritetica (50/50) dei rispettivi business per creare il 4° costruttore automobilistico al mondo in termini di volumi e il 3° in base al fatturato". Il closing è previsto in 12-15 mesi. Confermati tutti i dettagli dell'operazione annunciata a fine ottobre tranne uno: la separazione della controllata Comau e la conseguente distribuzione delle azioni non avverrà prima della fusione (quindi a beneficio dei soli azionisti FCA) ma dopo, "a beneficio degli azionisti del nuovo gruppo". Questo spiega la performance migliore in borsa di PSA Peugeot rispetto a FCA.

*Petroliferi in rialzo: *Eni +1,0%, Tenaris +0,3%, sottotono Saipem -0,1%. Il greggio oscilla poco sotto i massimi da metà settembre toccati ieri pomeriggio. Il future febbraio sul Brent segna 65,80 $/barile (massimo a 66,20 circa), il future gennaio sul WTI 60,50 $/barile (massimo a 61,00 circa).