Piazza Affari sotto la parità: FTSE MIB -0,20%.

*Il FTSE MIB segna -0,20%, il FTSE Italia All-Share -0,20%, il FTSE Italia Mid Cap -0,27%, il FTSE Italia STAR -0,31%.

Mercati azionari europei deboli:* DAX -0,1%, FTSE 100 -0,5%, CAC 40 -0,2%, IBEX 35 -0,1%.

*Pochi minuti dopo l'apertura di Wall Street S&P 500 +0,3%, Dow Jones Industrial +0,4%, Nasdaq Composite +0,2%.

STMicroelectronics (-3,5% a 19,34) resta in netto calo alla vigilia dei dati del quarto trimestre 2017* e dell'intero esercizio: JP Morgan ha ridotto il target da 26 a 23 euro. Gli analisti della banca americana pongono l'accento sulla debolezza degli ordini per l'iPhone X, circostanza che dovrebbe impattare sui fornitori di Apple (oltre a STM, anche Ams, -8,8%, e Dialog Semiconductor, -4,5%) per tutto il primo semestre. STM subisce anche le deludenti prospettive di Texas Instruments (-5,6% al NASDAQ) per il primo trimestre 2018: ricavi a 3,49-3,79 miliardi di dollari (consensus Bloomberg 3,64) e profitti a 1,01-1,17 dollari per azione (1,15). Texas Instruments produce chip analogici che vengono impiegati praticamente in ogni tipo di dispositivo elettronico: di conseguenza, dati e previsioni del gruppo sono considerati un indicatore dello stato di salute del settore.

Seduta negativa per le utility: l'indice EURO STOXX Utilities cede l'1,1%. In rosso a Milano Terna (-1,1%), Snam (-1%), Enel (-0,7%), Acea (-1,8%). Più resistente A2A (-0,1%) all'indomani dell'approvazione del progetto di partnership industriale e societaria da tempo allo studio. Il progetto prevede l'aggregazione in ACSM-AGAM (di cui A2A detiene il 23,9%) di ASPEM (controllata da A2A), AEVV (Comune Sondrio), Acel Service (Lario Reti Holding), AEVV Energie (Comune Sondrio e Lario Reti Holding), Lario Reti Gas (Lario Reti Holding), A2A Idro4 S.r.l. e A2A Energia S.r.l.