Piazza Affari sui massimi da aprile, BTP ritraccia dopo picco in avvio. FTSE MIB +0,73%.

*Il FTSE MIB segna +0,73% (massimo da agosto 2018), il FTSE Italia All-Share +0,77% (massimo da aprile), il FTSE Italia Mid Cap +1,20%, il FTSE Italia STAR +0,88%.

BTP in ritracciamento dai massimi visti in avvio ma ancora sotto i riflettori *il giorno dopo che il governo italiano è riuscito a evitare la procedura di infrazione per deficit eccessivo minacciata dalla Commissione Europea. Il rendimento del decennale ha toccato nelle prime battute della seduta il minimo da ottobre 2016 a 1,58% per poi risalire a 1,66% (chiusura di ieri a 1,62%). Lo spread sul Bund è sceso a 195 bp (da 199) per poi risalire a 206 (dati MTS).

*Mercati azionari europei poco mossi: *Euro Stoxx 50 +0,1%, FTSE 100 invariato, DAX +0,1%, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 -0,4%.

*Wall Street chiusa per festività (Independence Day). I future sui principali indici USA sono attivi e in frazionale rialzo: S&P 500 +0,1%, Nasdaq 100 +0,1%, Dow Jones Industrial +0,1%.

I bancari estendono il rally di ieri in scia ai BTP*. L'indice FTSE Italia Banche segna +2,8%. In evidenza UniCredit +4,4%, Banco BPM +2,7%, Intesa Sanpaolo +2,0%. Molto bene UBI Banca +4,3% che approfitta di quanto riferito da MF: l'istituto guidato da Victor Massiah averebbe ricevuto ben sette offerte da altrettante compagnie assicurative per diventare partner bancassicurativo.

*Forti acquisti su Banca MPS +12,3%, *il titolo tocca i massimi da inizio maggio: Reuters riferisce che l'istituto senese ha collocato di un'obbligazione di tipo senior con scadenza 10 luglio 2022. L'importo sarà di 500 milioni di euro (almeno 300 milioni la prima indicazione), con rendimento al 4% (prima indicazione a 4,25-4,375%). Gli ordini hanno superato quota 1,1 miliardi di euro. Morgan Stanley è bookrunner dell'operazione mentre MPS Capital Services è co-manager.