Piazza Affari sui massimi dall'estate 2018 su ottimismo Brexit. FTSE MIB +1,21%.

Mercati azionari europei in deciso rialzo. Wall Street in ascesa: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +1,1%, NASDAQ Composite +1,1%, Dow Jones Industrial +0,9%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +1,21%, il FTSE Italia All-Share a +1,11%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,34%, il FTSE Italia STAR a -0,32%.

*Mercati azionari europei in accelerazione. Operatori e investitori puntano sul raggiungimento di un accordo per la Brexit. *Durante la giornata ha preso corpo l'ipotesi di arrivare a una bozza pressochè definitiva entro mezzanotte per poi chiudere definitivamente prima della fine della settimana. In alternativa, ci potrebbe essere un summit d'emergenza prima della scadenza fissata al 31 ottobre per l'uscita del Regno Unito dalla UE. Alcuni ipotizzano anche un'estensione del termine.

BTP debole e spread stabile. Il rendimento del decennale segna 1,03% (chiusura precedente a 1,01%), lo spread sul Bund segna 146 bp (da 147) (dati MTS).

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo che in Germania e' stato reso noto che l'indice Zew, che misura la fiducia degli investitori istituzionali in merito alle aspettative sull'economia del paese tedesco, è ancora negativo a ottobre, sebbene superiore ai minimi rilevati ad agosto. Il dato si è attestato a -22,8 punti dai -22,5 di settembre e dai -44,1 di agosto a fronte di attese degli analisti pari a -27 punti. Il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al ribasso la stima di crescita dell'economia globale per il 2019 (a +3,0% da +3,2% della precedente proiezione). Il Fondo Monetario Internazionale stima una crescita economia dell'Area Euro dell'1,2% nel 2019 e dell'1,4% nel 2020. Nella precedente proiezione il Pil era atteso in crescita dell'1,3% nel 2019 e dell'1,6% nel 2020. Il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al ribasso le stime sul Pil dell'Italia. Nel 2019 è attesa ora una crescita zero (da +0,1% della precedente proiezione) mentre è stimata una lieve ripresa nel 2020 (+0,5% da +0,8% della precedente proiezione).