Piazza Affari sui minimi da ottobre, sale lo spread: rischio rallentamento globale per coronavirus. FTSE MIB -3,58%.

Mercati azionari europei in forte ribasso. Wall Street negativa: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -2,4%, NASDAQ Composite -1,6%, Dow Jones Industrial -2,8%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -3,58%, il FTSE Italia All-Share a -3,47%, il FTSE Italia Mid Cap a -2,83%, il FTSE Italia STAR a -2,06%.

Borse in crisi con l'espansione del coronavirus nel mondo e il rischio che questo possa provocare una recessione globale. Il direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato che il virus ha un potenziale pandemico: niente panico ma i governi devono avviare azioni per prevenire l'infezione.

BTP in netta flessione, lo spread balza in avanti. Il rendimento del decennale segna 1,13% (ma in mattinata ha toccato l'1,20%, chiusura precedente a 1,08%), lo spread sul Bund segna 174 bp (in mattinata ha toccato i 180, chiusura precedente a 163) (dati MTS).

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo negli USA: indice fiducia consumatori Univ. Michigan in febbraio a 101 punti da 99,8 (atteso 100,9); indice PMI Chicago (manifatturiero) febbraio a 49 punti da 42,9 (atteso 45,9 punti); indice core dei prezzi al consumo PCE gennaio +0,1% m/m da +0,2% m/m, (atteso +0,2%); spese personali gennaio +0,2% m/m da +0,4% R (atteso +0,3%). In Germania: variazione n° disoccupati febbraio -10.000 unità da -4.000 unità (atteso +3.000 unità); inflazione preliminare febbraio +1,7% a/a da +1,7% (atteso +1,7%). In Italia: inflazione prelim. febbraio +0,0% m/m da +0,1% m/m, +0,4% a/a da +0,5% a/a (atteso +0,5%).