L'indice Ftse Mib di Milano cede il 3,72% a 19.022,14 punti, sui minimi di seduta. Negative anche le altre Borse europee con ribasso attorno ai tre punti percentuali. Mercati penalizzati dalle poco rosee prospettive economiche annunciate ieri sera dalla Fed con gli investitori che preferiscono alleggerire i portafogli azionari dopo il rally delle ultime sedute.

Lo spread tra il Btp decennale ed il Bund tedesco si attesta a 190 punti base. Negativi tutti i titoli del paniere principale. Maglia nera CNH Industrial con un ribasso dell'8%. Segue Atlantia (-7%) nel giorno della riunione del Cda per l'esame dei risultati del primo trimestre 2020.

Forti vendite sul comparto bancario con Banco BPM (-6%), UniCredit (-5%) e Intesa Sanpaolo (-4%). TIM cede oltre il 5% penalizzata dal downgrade di Jp Morgan. Male FCA (-6%) dopo le ultime notizie sull'indagine Antitrust Ue sul progetto di fusione con PSA. Debole Italgas (-0,2%) dopo aver diffuso la guidance 2020. Fuori dal listino principale peggior performance per Trevi (-11%) seguita da Biesse (-8%). Tra i maggiori rialzi Energica Motor Company (+8%) e Italia Independent Group (+4%).

(RV - www.ftaonline.com)