Piazza Affari sulla parità. Utility in ritracciamento, bene Pirelli e bancari. FTSE MIB +0,05%.

*Il FTSE MIB segna +0,05%, il FTSE Italia All-Share +0,06%, il FTSE Italia Mid Cap +0,16%, il FTSE Italia STAR +0,53%.

BTP e spread stabile.* Il rendimento del decennale segna 0,85% (chiusura precedente a 0,85%), lo spread sul Bund segna 143 bp (da 143) (dati MTS).

Mercati azionari europei positivi: Euro Stoxx 50 +0,3%, FTSE 100 +0,9%, DAX +0,8%, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 +0,5%.

*Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA sono in verde: *S&P 500 +0,2%, Nasdaq 100 +0,2%, Dow Jones Industrial +0,2%.

Le utility ritracciano dopo l'ottima performance di ieri: Snam -1,1%, Italgas -1,3%, Enel -1,3%. Sotto pressione Hera -1,6% a 3,7280 euro: i Comuni di Bologna, Castelfranco Emilia, Maranello, Montefiorino, Palagano, Pavullo nel Frignano e Ravenna Holding S.p.A., Rimini Holding S.p.A., aderenti al patto parasociale sottoscritto da 111 azionisti il 26 giugno 2018 hanno ceduto n. 14.426.407 azioni ordinarie, circa l'1% del capitale. attraverso una procedura accelerata di raccolta ordini riservata ad investitori qualificati in Italia e ad investitori istituzionali all'estero. Il ricavato complessivo è pari a 53,5 milioni di euro, per un prezzo unitario di 3,71 euro circa.

*A2A, -0,3% *a 1,6755 euro, limita i danni grazie all'importante segnale rialzista inviato ieri. Il titolo ha superato in modo perentorio gli ostacoli a 1,65/1,66 e completato il testa e spalle di continuazione in formazione da aprile. A2A è ora proiettata verso il massimo pluriennale a 1,6955 della primavera 2018, riferimento strategico in ottica di lungo periodo: una vittoria su questa resistenza determinerebbe infatti la riattivazione del movimento rialzista in essere dall'estate 2012 verso il vecchio supporto (efficace nel 2008) in area 2,10. Segnali di debolezza in caso di violazione di 1,59/1,60, prologo a una correzione verso i minimi di agosto a quota 1,54.