Piazza Affari tonica, migliora il clima su dazi e Brexit. FTSE MIB +1,88%.

Mercati azionari europei in accelerazione. Wall Street in forte rialzo: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +1,7%, NASDAQ Composite +1,9%, Dow Jones Industrial +1,7%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +1,88%, il FTSE Italia All-Share a +1,82%, il FTSE Italia Mid Cap a +1,46%, il FTSE Italia STAR a +1,13%.

BTP in lieve rialzo, scende lo spread. Il rendimento del decennale segna 1,05% (chiusura precedente a 1,06%), lo spread sul Bund segna 149 bp (da 154) (dati MTS).

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo che negli USA la stima preliminare di ottobre dell'indice di fiducia dei consumatori statunitensi, calcolato dall'Università del Michigan e da Reuters, si attesta a 96 punti, risultando superiore alle previsioni degli addetti ai lavori e alla rilevazione precedente, fissate rispettivamente a 92 punti e 93,2 punti. In Germania l'Ufficio Federale di Statistica (Destatis) ha reso noto il dato definitivo relativo all'inflazione di settembre. L'indice dei prezzi al consumo è rimasto invariato su base mensile ed è aumentato dell'1,2% su base annuale, risultando pari alle attese e al dato preliminare. Ad agosto l'indice era cresciuto dell'1,2% a/a e diminuito dello 0,2% su base mensile. Il governo federale tedesco starebbe per ridurre in maniera sostanziale le stime di crescita per il 2020 portandole all'1,1% dall'1,5% previsto la scorsa primavere. Lo afferma Der Spiegel riportando che invece le stime per l'incremento del Pil quest'anno sarebbero ancora stabili allo 0,5 per cento.

Cresce l'ottimismo di operatori e investitori: ieri sono ripresi i negoziati USA-Cina sul commercio a Washington. L'obiettivo è quello di evitare l'incremento dei dazi su 250 miliardi di dollari di importazioni di prodotti cinesi negli States che entreranno in vigore il martedì 15 ottobre. In partenza il clima non era disteso, dopo la vicenda delle 28 entità cinesi inserite nella black list. Oggi il consueto tweet di Donald Trump ha infuso ulteriore fiducia in vista dell'incontro alla Casa Bianca con il vicepresidente cinese Liu He (ore 19:45). Anche il Segretario di Stato Steven Mnuchin ha affermato che le cose stanno andando bene. La stampa cinese riferisce che Pechino è favorevole a un accordo parziale: sarebbe benefico per entrambe le parti. Da segnalare anche le ultime notizie relative alla Brexit: sembra essersi aperto uno spiraglio per un accordo. Regno Unito e UE hanno concordato di intensificare nei prossimi giorni le trattative per arrivare a un'uscita "ordinata" di Londra dalla UE il prossimo 31 ottobre.