Pirelli&C (+2,2% a 7,5740 euro) estende il rally partito due giorni fa in scia ai dati del primo trimestre e tocca i massimi da fine febbraio: Deutsche Bank incrementa il target a 7,40 euro. Il periodo gennaio-marzo è andato in archivio con risultati in crescita e migliori rispetto alle attese per quanto riguarda i margini. Leggera delusione invece per ricavi che salgono del 5,7% a/a (variazione organica, -2,2% quella complessiva e -7,3% a cambi correnti) a 1310,3 milioni di euro (1339 nel trim1 2017), contro i 1315 del consensus raccolto dalla società. Grazie al miglioramento del price/mix, l'EBIT adjusted ante costi di start-up sale del 4,5% a 229,4 milioni (consensus 224), mentre il risultato netto delle attività in funzionamento (Consumer) si attesta a 92,4 milioni, +86,7% (consensus 88). Il risultato netto totale è positivo per 89,1 milioni di euro da -27,1 milioni un anno fa. Il gruppo conferma tutte le stime per l'esercizio 2018 indicate lo scorso 26 febbraio in sede di approvazione del bilancio 2017, tranne che quella relativa ai ricavi, che peggiora leggermente: la crescita organica è ora attesa uguale o maggiore al 9% (circa +10% la precedente indicazione), mentre la crescita complessiva è ora attesa a circa 4% (maggiore o uguale a +6% la precedente indicazione).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)