Si è riunito il 6 maggio 2020 a Bologna il Consiglio di Amministrazione di PoligraficiPrinting per l'approvazione della Relazione trimestrale al 31 marzo 2020

  • Rinnovato fino al 2023 il contratto di stampa con la Poligrafici Editoriale S.p.A.

  • *Ricavi consolidati *pari a € 5,9 milioni contro € 6,6 milioni dell'analogo periodo del2019

  • *Margine operativo lordo *consolidato € 1,2 milioni contro € 1,6 milioni dell'analogoperiodo del 2019

  • *Utile consolidato *di € 0,5 milioni rispetto l'utile consolidato di € 0,8 milioni del 31marzo 2019

  • *Disponibilità finanziarie *pari a € 2,7 milioni rispetto le disponibilità finanziarie di €2,4 del 31 dicembre 2019

*ANDAMENTO DEL GRUPPO POLIGRAFICI PRINTING AL 31 MARZO 2020
*La comparsa del coronavirus in Cina a partire da gennaio 2020 ed in Italia da fine febbraio ha determinatorilevanti e imprevedibili ripercussioni economiche, finanziarie oltre che sociali.Poligrafici Printing S.p.A. e la controllata Centro Stampa Poligrafici S.r.l. (di seguito "Gruppo PoligraficiPrinting" o "Gruppo") hanno affrontato l'emergenza sanitaria applicando in maniera scrupolosa ognidisposizione emanata dalle Autorità Competenti.
Fin dall'inizio, sono state adottate ogni precauzioniritenute prioritarie alla salvaguardia dei dipendenti che continuano a lavorare negli stabilimenti e negliuffici.Il settore della stampa, l'editoria e le edicole sono state considerate, fin dall'inizio dell'emergenza,essenziali dal Governo italiano e quindi svolgono senza interruzione la propria attività. I dipendenti e icollaboratori del settore poligrafico sono tutti operativi.
Lo scenario che si è manifestato dal mese dimarzo ha avuto un crescendo di risvolti e ripercussioni imprevedibili e inaspettate. Tali incertezze stannocausando una serie di effetti economici e finanziari che nessuno è in grado di valutare con precisione néper la durata e né per la portata.
In data 1° febbraio 2020 è stata sottoscritta con la controllante Poligrafici Editoriale S.p.A. la nuovaconvenzione di stampa, che aveva scadenza in data 31 gennaio 2020. In particolare, la convenzioneprevede che Centro Stampa Poligrafici S.r.l. fornisca fino al 31 dicembre 2023 il servizio per la stampa deiquotidiani editi da Poligrafici Editoriale S.p.A., Il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno, a fronte di uncorrispettivo annuo per la sola stampa pari a euro 15.150.000 (il precedente contratto riportava uncorrispettivo annuo per la sola stampa pari a euro 17.150.000).

Come previsto dal Regolamento AIM, il comitato parti correlate dell'Emittente è stato prontamenteinformato dell'operazione ed ha rilasciato parere favorevole al compimento della stessa. Pertanto, comeprevisto dalla procedura per la disciplina delle operazioni con parti correlate dell'Emittente, è statopredisposto il documento informativo redatto secondo i criteri del Regolamento stesso.

La Legge di Bilancio 2020 ha ridefinito per un arco temporale di 4 anni, le condizioni per l'accesso alleprestazioni di vecchiaia anticipata per i lavoratori poligrafici permettendo al Gruppo di presentare il 1°gennaio 2020 al Ministero del Lavoro un piano di riorganizzazione in presenza di crisi per l'anno 2020 chepermetterà un intervento strutturale sui propri costi operativi. Tale piano di riorganizzazione era statoprecedentemente comunicato ai sindacati di rappresentanza

A seguito dell'accordo sottoscritto con leorganizzazioni sindacali in data 6 febbraio 2020 presso il Ministero del Lavoro è previsto, nel periodo 1°marzo 2020 - 30 giugno 2020, un'uscita di circa 12 persone della categoria impiegatizia ed operaia nelcorso del 2020.

Ulteriori interventi sono previsti per gli anni successivi al maturare da parte dei lavoratoripoligrafici delle condizioni necessarie per usufruire del prepensionamento, per cui sono già state avviatele prime comunicazioni con i sindacati di rappresentanza. Nel corso del 2019 è stato stanziato appositofondo rischi che accoglie la miglior stima effettuata dal management circa gli oneri futuri che sarannosostenuti legati alla riorganizzazione aziendale.

Analizzando i risultati consolidati del Gruppo al 31 marzo 2020 si evidenziano *Ricavi consolidati *per €5,9 milioni rispetto ai € 6,6 milioni dell'analogo periodo del 2019.
I ricavi inerenti la stampa poligraficasono pari a € 5,6 milioni contro € 6,3 milioni del 2019. La riduzione è principalmente correlata alladiminuzione del corrispettivo di stampa citato in precedenza e in misura meno rilevante ai minori ricavida riaddebito di materiali per effetto della riduzione delle foliazioni effettuate dagli editori a causa dellasopracitata emergenza sanitaria.Gli altri ricavi sono pari a € 0,2 milioni ed includono riaddebiti (€ 0,2 milioni) effettuati alla collegataRotopress International S.r.l. ("RPI") e sopravvenienze attive.
I Costi operativi sono pari a € 2,9 milioni in riduzione del 3,8% rispetto quanto registrato nel primotrimestre 2019.Il Costo del lavoro è pari a € 1,8 milioni rispetto € 1,9 milioni registrato nell'esercizio precedente.

Il *Margine Operativo Lordo *consolidato è pari a € 1,2 milioni contro € 1,6 milioni del primo trimestre2019. L'Ebitda Margin è pari al 21,2% dei ricavi di stampa rispetto al 26% registrato nell'esercizioprecedente (IAP calcolato come rapporto tra il Margine Operativo Lordo e la voce di conto economico"Ricavi stampa per conto di terzi"). L'effetto relativo all'utilizzo del nuovo principio contabile IFRS 16 èstato pari a € 81 migliaia.Gli Ammortamenti sono pari a € 0,5 milioni sostanzialmente allineati con quanto registrato al 31 marzo2019.La Gestione finanziaria evidenzia oneri netti per € 4 migliaia di cui € 13 migliaia relativi agli effettidell'applicazione dell'IFRS 16.

Il *Risultato di periodo *evidenzia un utile dopo le imposte di € 0,5 milioni rispetto l'utile di € 0,9 milioniregistrato al 31 marzo 2019.

La *Posizione Finanziaria Netta *consolidata calcolata secondo i criteri del Gruppo evidenzia unadisponibilità finanziaria per € 2,7 milioni. Tale valore include l'effetto derivante dalla applicazionedell'IFRS 16 che ha determinato la registrazione di un maggior debito per € 1,4 milioni.Il differenziale di € 0,9 milioni rispetto al criterio indicato nella Raccomandazione del CESR (Committee ofEuropean Securities Regulators), è relativo al valore nominale delle quote in scadenza oltre i 12 mesirelative al credito maturato nei confronti di RPI per la cessione della partecipazione in Grafica Editoriale Printing ("GEP) ed al credito finanziario vantato nei confronti di GEP medesima.
Tali crediti finanziari,essendo infruttiferi di interessi, sono stati attualizzati dal Gruppo Poligrafici Printing a un tasso del 3%,considerato di mercato in relazione alla tipologia di credito ed al rischio di credito della controparte.L'effetto complessivo dell'attualizzazione ha comportato la rilevazione di un provento pari a circa € 13migliaia.

POLIGRAFICI PRINTING S.P.A.
La società è la holding del settore printing del Gruppo Monrif-Poligrafici Editoriale e ad essa fanno capo lacontrollata (al 100%) Centro Stampa Poligrafici S.r.l. ("CSP") oltre alla collegata Rotopress InternationalS.r.l. (al 33%).Poligrafici Printing S.p.A. ha chiuso il primo trimestre del 2020 con una perdita di € 98 migliaia rispetto laperdita di € 68 migliaia dell'analogo trimestre dell'esercizio precedente.La posizione finanziaria netta è positiva per € 3,9 milioni (€ 4,1 milioni al 31 dicembre 2019).Nel bilancio d'esercizio della Poligrafici Printing S.p.A. redatto secondo i principi contabili italiani, ilrisultato d'esercizio evidenzia la coincidenza con il risultato ottenuto applicando i principi IAS/IFRS.

*CENTRO STAMPA POLIGRAFICI S.r.l.
*CSP stampa le edizioni dei quotidiani del Gruppo Poligrafici Editoriale, la Gazzetta di Parma, il Tirreno el'edizione toscana de la Repubblica. Il contratto di stampa tra CSP e la Poligrafici Editoriale S.p.A. è statorinnovato nel mese di febbraio 2020 prolungandone la scadenza al 31 gennaio 2024.Si riporta di seguito la sintesi dei principali indicatori economici registrati nel primo trimestre 2020:i Ricavi sono pari a € 5,6 milioni contro € 6,6 milioni del 31 marzo 2019.Il Margine operativo lordo è pari a € 1,3 milioni rispetto a € 1,7 milioni dell'analogo periodo del 2019.Il Risultato economico è positivo per € 0,6 milioni rispetto ai € 0,9 milioni registrati al 31 marzo 2019.La posizione finanziaria netta è negativa per € 1,2 milioni (€ 1,7 milioni del 31 dicembre 2019).L'applicazione dell'IFRS 16 ha determinato la rilevazione di un maggior indebitamento per € 1,4 milioni(€ 1,5 milioni al 31 dicembre 2019).

*Principali avvenimenti intervenuti dopo la chiusura dell'esercizio e prevedibile evoluzione dellagestione
*Successivamente la chiusura del trimestre non sono intervenuti fatti di rilievo. Proseguono le trattativecon Editori terzi per la valutazione di nuove commesse di stampa e di nuovi accordi, anche societari, per losviluppo dell'attività.Il Gruppo, come commentato in precedenza, continua la propria attività a servizio del settore dell'editoriae, allo stato attuale, gli effetti sui risultati complessivi a breve termine così come di conseguenza quelli delcorrente esercizio sono di difficile valutazione, in quanto dipendono da molteplici variabili imprevedibililegate alla evoluzione dell'emergenza sanitaria per il COVID-19.

*ALTRE DELIBERAZIONI
*Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre deliberato di partecipare alla sottoscrizione dell'aumento dicapitale sociale per complessivi euro 1 milione, da effettuarsi entro il 31 dicembre 2020, da parte dellasocietà collegata Rotopress International S.r.l., per un importo a carico della Poligrafici Printing S.p.A. dieuro 330 migliaia. Tale sottoscrizione avverrà con la rinuncia di parte del credito finanziario vantato neiconfronti di Rotopress International S.r.l. e permetterà il consolidamento del patrimonio di RotopressInternational S.r.l., riducendone contestualmente il grado di indebitamento, in una fase di particolarecriticità operativa del settore in cui la stessa opera.

(GD - www.ftaonline.com)