Tra le blue chips che oggi riescono a muoversi in controtendenza rispetto al Ftse Mib troviamo Poste Italiane che occupa la seconda posizione nel paniere di riferimento.

Poste Italiane sale in controtendenza rispetto al Ftse Mib

Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di ieri con un calo di circa un punto percentuale, si muove in maniera speculare oggi, salendo dell'1,03% a 8,438 euro, con oltre 1,5 milioni di azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 3,3 milioni.

Poste Italiane: numero record di pacchi consegnati a dicembre

Poste Italiane guadagna terreno dopo che ieri la società ha fatto sapere che a dicembre ha consegnato 27 milioni di pacchi, di cui 20 milioni legati all’e-commerce, quasi 10 milioni in più rispetto allo stesso periodo del 2019, con un incremento del 56%.

Si tratta di numeri da record, resi noti dal TGPoste, che confermano lo sforzo logistico messo in atto da Poste Italiane in un mese di picco di consegne e la strategia del gruppo per rafforzare la leadership nei servizi per l’e-commerce.

Poste Italiane: Mediobanca è bullish e vede upside di oltre il 30%

Commentando le notizie diffuse ieri, Mediobanca Securities evidenzia che i pacchi business to consumer sono aumentati del 51% nei primi nove mesi del 2020 e gli analisti prevedono una crescita del 50% nell'intero anno.

Secondo Mediobanca le indicazioni arrivate ieri da Poste Italiane sui pacchi consegnati a dicembre sono ben superiori le attese.

Gli analisti mantengono così una view bullish sul titolo, per il quale viene ribadita la raccomandazione "outperform", con un prezzo obiettivo a 11,2 euro, valore che offre un potenziale di upside di oltre il 32% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.