Prezzi del petrolio in moderato recupero nei mercati internazionali. Il future sul *Brent *guadagna infatti lo 0,85% sull'Ice e si riporta a 62,01 dollari al barile, mentre il derivato sul *WTI *passa di mano a 53,41 dollari con un vantaggio di 0,749% sul riferimento. Ieri i timori sullo stato di salute dell'economia globale, alimentati dal rallentamento della crescita cinese e dalla revisione al ribasso delle stime dell'FMI avevano spinto al ribasso le quotazioni dell'oro nero che oggi riprendono fiato.
Da notare che il dollaro si mantiene sui massimi degli ultimi tre mesi con un Dollar Index in rialzo dello 0,05% a 96,35.

In Europa cresce dello 0,11% l'indice settoriale STOXX Europe 600 Oil & Gas e a Milano Eni recupera lo 0,37%. Bene anche *Saipem *(+1,74% nonostante il "decreto di perquisizione locale e sequestro e contestuale informazione di garanzia" da parte della Procura di Milano su ipotesi di false comunicazioni sociali e manipolazione del mercato e in relazione ai procedimenti Consob avviati nel 2018) e *Tenaris *(+1,49%).

(GD - www.ftaonline.com)