Quadro grafico incerto nel brevissimo per Azimut Holding. Discese sotto 16,20 euro preannuncerebbero un test del supporto dinamico a 15,75 circa, riferimento decisivo per scongiurare il ritorno sui minimi estivi a 15,15/15,20. In ottica temporale più estesa possiamo osservare che il rally partito a fine 2018/inizio 2019 mantiene il controllo della situazione: oltre 17,50 prime indicazioni in favore della riattivazione, conferme definitive al superamento di 18,16 (massimo di fine aprile).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)