Secondo fonti citate da Reuters martedì, Qualcomm avrebbe proposto alla Commissione europea di acquisire Nxp Semiconductors senza alcuni dei brevetti dell'azienda olandese, che fino al 2006 era parte del colosso olandese Philips (e dal 2010 è quotata al Nasdaq). Lunedì sempre Reuters aveva riportato che il colosso Usa dei chip (utilizzati prevalentemente nei terminali mobili) aveva presentato concessioni a Bruxelles con l'obiettivo di ottenere il via libera al takeover da 38 miliardi di dollari annunciato giusto un anno fa. L'operazione, la maggiore di sempre nel settore dei semiconduttori, farebbe tra l'altro di Qualcomm il leader globale nel segmento dell'automotive. L'azienda californiana, nella documentazione presentata lo scorso 5 ottobre, ha proposto di non acquisire i brevetti standard della preda, lasciando che Nxp il venda ad altri. Non solo, Qualcomm si è impegnata a non prendere iniziative legali contro terzi in relazione ai brevetti di Nxp nella near field communication (Nfc), con l'eccezione di quelli riguardanti il settore della difesa (Nxp è stata tra i pionieri della tecnologia Nfc utilizzata per pagamenti, storage e scambio di dati). Qualcomm e Nxp hanno guadagnato martedì al Nasdaq l'1,87% e lo 0,42% rispettivamente.

(RR - www.ftaonline.com)