Consob, in linea con le raccomandazioni pubblicate dall'ESMA, ha emanato il Richiamo di attenzione n. 6/20 del 9-4-2020, relativo all'informativa finanziaria che gli emittenti devono fornire in relazione ai possibili impatti da Covid-19 e in particolare: (i) sui rischi legati al Covid-19 che possono avere impatto sulla situazione economicopatrimoniale e finanziaria; (ii) sulle eventuali misure intraprese o pianificate per mitigare detti rischi, nonché (iii) un'indicazione di natura qualitativa e/o quantitativa dei potenziali impatti che vengono considerati per la stima dell'andamento futuro della società.

A partire dal mese di gennaio 2020, lo scenario nazionale ed internazionale è stato caratterizzato dalla pandemia da Covid-19 e dalle conseguenti misure restrittive per il suo contenimento, poste in essere da parte delle autorità dei Paesi interessati. I servizi erogati dal Gruppo, inter alia, sono rivolti all'implementazione di sistemi ICT per le aziende, sia in termini infrastrutturali, sia in termini di gestione dei servizi per la digitalizzazione delle attività aziendali, e quindi supporto, ad esempio, allo smart working (es. ERP, videoconferenze, sistemi di collaboration).

Per il Gruppo la conseguenza di questa situazione è stata un incremento delle richieste dei propri servizi da parte dei Clienti. La Società, già dotata prima dell'emergenza di sistemi per lo smart working per le proprie risorse e di un elevato livello di digitalizzazione delle attività, ha sempre garantito la piena operatività, anche nel periodo delle più restrittive misure imposte dal Governo italiano. Inoltre, sta costantemente monitorando l'intera filiera e catena produttiva, in particolare i produttori hardware e software e le ditte installatrici, per prevenire eventuali problemi esterni che possano impattare sul servizio erogato ai propri Clienti.

Al momento, l'intera filiera non presenta particolari criticità. La Società prevede altresì un rallentamento di alcune attività in conseguenza di uno scenario macroeconomico, nazionale ed internazionale, il cui outlook sembra essere decisamente negativo. Tra queste, degne di nota, la cancellazione di eventi sportivi a supporto dei quali la Società offre i propri servizi ICT, che potrà portare un impatto sfavorevole nel medio periodo. La Società ritiene che in prospettiva l'adeguamento dei sistemi ICT, quando se ne determineranno le condizioni, sarà una delle priorità per molte aziende italiane che in questa situazione hanno compreso l'importanza di disporre di una struttura ICT adeguata e performante.

Pertanto, ci si aspetta che il trend di ordini commerciali, e di conseguenza il fatturato e la marginalità di Retelit possano subire un impatto limitato dalla situazione per quanto riguarda il 2020, con discrete possibilità di recupero per i successivi anni di piano (2021-2024).

Sulla base di questi argomenti è stata analizzata la situazione prospettica della Società in termini finanziari. La solida patrimonializzazione della Società, la costante generazione di cassa, un portafoglio Clienti costituito in larga parte da grandi e solide aziende, la criticità dei servizi resi, pur in una situazione di crescente carenza di liquidità, al momento non fanno sorgere particolari preoccupazioni in merito. In aggiunta ad un attento e costante monitoraggio dei tempi di incasso, la Società si sta avvalendo delle possibilità che il "Decreto Cura Italia" (Decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18) sta offrendo, in particolare la CIG. In relazione all'emergenza sanitaria e alle misure restrittive disposte dalle Autorità di Governo Italiano, al fine di prevenire e contenere la diffusione della pandemia sul territorio nazionale, il Gruppo ha operato tempestivamente e conformemente con i propri protocolli e policy in materia di gestione delle emergenze e crisi aziendali per garantire la sicurezza e la salute dei propri dipendenti e collaboratori, disponendo ed estendendo ove possibile il ricorso alla modalità dello smart working, sempre garantendo la continuità aziendale e l'operatività e, a partire dal 4 maggio 2020, anche mediante accesso in piena sicurezza alle proprie sedi operative.

In conclusione, pur in considerazione del fatto che le circostanze legate al Covid 19, straordinarie per natura ed estensione, stanno avendo ripercussioni, dirette e indirette, sulle stime e sull'attività economica creando un contesto di generale incertezza, le cui evoluzioni e i relativi effetti non risultano ancora misurabili sia in termini generali che sul business, sulla base delle prospettive del mercato e l'andamento attuale del Gruppo, gli Amministratori ritengono che la Guidance, comunicata al mercato in data 12 marzo 2020, sia al momento conseguibile pur se posizionandosi nella fascia bassa del range sia a livello economico che patrimoniale, ferma restando la necessità di monitorare costantemente l'eventuale impatto che l'attuale situazione di crisi economica generale provocata dalla pandemia da Covid-19 potrebbe avere sui tempi di pagamento da parte dei Clienti e, dunque, sulla capacità di generazione di cassa operativa del Gruppo, anche avuto riguardo alle misure di prossima emanazione da parte del Governo italiano.

Inoltre, le operazioni straordinarie annunciate - OPA volontaria parziale su azioni Retelit da parte della controllata Retelit Digital Services e acquisizione di Brennercom - nonché la proposta di pagamento del dividendo, rimangono confermate anche nelle tempistiche allo stato comunicate.

(GD - www.ftaonline.com)